Vacanze extra Eu, ancora no

Volevate trascorrere le vacanze all’estero in Paesi extraeuropei? Per il momento non sarà possibile, ma il sito del Bundesregierung risponde a domande importanti sui viaggi all’estero durante la pandemia Corona.

di Mara Boifava

Il Governo federale tedesco ha revocato l’avvertimento di viaggio a scopo turistico per i Paesi dell’UE e per alcuni altri Stati europei a partire dal 15 giugno. Tuttavia per più di 160 Paesi extraeuropei rimarrà in vigore almeno fino al 31 agosto incluso. Quindi non sarà possibile trascorrere le vacanze in tali Stati extra EU e saranno concessi solo viaggi necessari, per lavoro, passaggio di merci e personale sanitario.

“Non disponiamo ancora di una base di dati, di criteri e di processi di coordinamento comuni e affidabili per il resto del mondo a differenza di quanto abbiamo a disposizione per i nostri vicini europei. Questi dati renderebbero nuovamente possibili viaggi senza restrizioni e senza rischi incalcolabili”

Heiko Maas, ministro degli Esteri

Esclusi dall’avvertimento sono Paesi dell’ EU, associati all’area Schengen (Norvegia, Svizzera, Islanda e Liechtenstein), Irlanda del Nord e Gran Bretagna. Tuttavia anche all’interno dell’EU l’allerta di viaggio potrà parzialmente rimanere in vigore oltre il 15 giugno ed essere regolata da divieti o limitazioni d’ingresso nazionali o dal mancato rispetto dei criteri relativi alla pandemia. Se un Paese supera i 50 casi per 100.000 abitanti negli ultimi 7 giorni, l’avviso di viaggio verrà ripristinato. Questo è stato concordato all’interno dell’area Schengen e affini per la Svezia, Finlandia, Norvegia e Spagna.

L’Ufficio federale degli affari esteri (Auswärtiges Amt) ha sostituito il precedente avvertimento di viaggio in tutto il mondo con consigli di viaggio specifici per Paese, adattati alla rispettiva situazione locale e in continuo aggiornamento. In base alla situazione locale potranno essere concordate nuove condizioni con i singoli Paesi, come ad esempio con la Turchia.

Alcuni Paesi hanno imposto divieti d’ingresso o controlli speciali su determinate categorie di persone o voli da determinate regioni, altri impongono una quarantena parziale o totale. In alcuni casi ciò riguarda anche i viaggiatori provenienti dalla Germania. Il Bundesregierung e i governi dei Länder hanno stabilito una quarantena di due settimane per tutte le persone che entrano in Germania dai Paesi esterni all’UE o all’area Schengen. I viaggiatori devono quindi informarsi presso l’ambasciata o il consolato del loro Paese di destinazione in Germania e presso le autorità del proprio Stato federale su eventuali norme di quarantena al ritorno prima di iniziare il viaggio.

L’EU ha stabilito linee guida dei diritti dei viaggiatori in Germania e negli altri Stati EU, come ad esempio annullamento gratuito del viaggio, rimborso in caso di annullamento della vacanza o di singole escursioni prenotate. Per ulteriori informazioni guardare i link negli approfondimenti.

Bild von DarkWorkX auf Pixabay

Approfondimenti:

Domande e risposte sul tema viaggi sul sito del Bundesregierung

Informazioni sui viaggi sul sito del Auswärtiges Amt e articolo su viaggi in Paesi extra EU sullo stesso sito

Lista delle autorità statali competenti per sicurezza e norme di viaggio

Linee guida europee e informazioni dell’ Europäische Verbracherzentrum sui diritti dei viaggiatori negli Stati EU.

Sito del RKI per le regola di quarantena e casi di infezione

Leggi anche: 

Viaggiare (quasi) senza frontiere

Italia, torneremo

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...