Verso un’apparente normalità (in Sassonia)

Mentre alcune regioni tedesche fanno i conti con nuove infezioni e conseguenti chiusure, altri Stati decidono per una maggiore elasticità.  Succede anche in Sassonia, dove dal 30 giugno 2020 fino al 17 luglio 2020 compreso saranno consentiti ulteriori leggeri allentamenti : il nuovo decreto pubblicato il 25 giugno modifica parzialmente le disposizioni finora adottate su vita sociale e scuole. Ma con un punto fermo: distanza e mascherina.

di Mara Boifava

All’inizio della settimana la Nordrhein-Westfalen ha annunciato una parziale chiusura fino al 30 giugno, dopo la scoperta di un focolaio infettivo nella stabilimento per carni Tönnies. La chiusura riguarda il distretto di Gütersloh ma non si applica nel resto della regione (e paradossalmente nemmeno ai cittadini del distretto che si muovono fuori da quella cerchia). Tuttavia si è generato, dopo la notizia, una diffidenza verso i cittadini dell’intera regione che in alcuni casi ha portato a restrizioni nei loro confronti da parte degli altri governi statali. Ma, spiega il sindaco della città maggiormente colpita, al di fuori del mattatoio incriminato ci sono solo 32 casi, perfettamente in linea con quanto accade nell’intera Germania. Considerazioni analoghe valgono per la Bassa Sassonia, dove pure si è sviluppato un nuovo centro di infezioni. Ma davvero la Germania è di nuovo a rischio? A guardare i dati del Robert Koch Institut è evidente un aumento dell’incidenza a 7 giorni, che a livello federale è ora del 3,8 per cento, decisamente più alta di quell’1 per cento invocato dalla Cancelliera Merkel ad aprile.  Ma se si guarda il complesso dei dati, soltanto in un distretto (quello di Gütersloh, appunto) si è superato il numero di 50 nuove infezioni in una settimana ogni centomila abitanti, che era la misura oltre la quale, da regolamento federale, sarebbe scattato il lockdown. E così in effetti è stato, mentre ci sono altre regioni in cui sia l’incidenza sia il numero dei contagi restano molto bassi.——> I dati sul sito del Robert Koch Institut

——> Elaborazione grafica su Arcgis

——> La mappa di Rtl.de 

Una di queste regioni è la Sassonia, con una incidenza dello 0,8 e un numero di nuovi casi/settimana/abitanti pari a meno di 1. Sabato 27 giugno, all’inizio del primo fine settimana davvero estivo, Angela Merkel ha ribadito ancora una volta che non ci si deve far prendere dall’incoscienza e che occorre continuare a prestare attenzione alle poche misure davvero basilari: distanza e mascherine.Un consiglio su cui tutti gli Stati federati concordano. Anche la Sassonia, dove il nuovo regolamento varato il 23 giugno prevede che  continueranno ad essere applicati anche in futuro i tre principi fondamentali per la prevenzione delle infezioni dal virus Corona: restrizioni di contatto, l’obbligo di una distanza di 1,50 metri tra le persone negli spazi pubblici e l’obbligo di coprirsi con mascherina sui mezzi pubblici e nei negozi. La distanza minima di 1,5 metri non si applica negli asili nido per bambini, nelle scuole e durante gli eventi scolastici.
La nuova ordinanza sulla protezione da Corona contiene ulteriori moderati allentamenti. Ad esempio, a partire dal 30 giugno, saranno consentite le celebrazioni familiari al di fuori della sfera privata in ristoranti con un massimo di 100 persone.

 

Cosa potrà aprire?

  • imprese artigiane, fornitori di servizi e altre imprese, negozi
  • ristorazione e alberghi, strutture ricettive, impianti sportivi,
  • piscine all’aperto e coperte, terme, bagni termali e saune, strutture di riabilitazione e strutture con membri iscritti (ad esempio centri fitness), parchi di divertimento e di svago, fiere, teatri, teatri musicali, cinema, sale da concerto, opere e club musicali (senza ballo) con un piano di igiene approvato e a regole precise.

Cosa rimarrà chiuso?

  • bordelli e case per la prostituzione
  • Feste popolari, mercati annuali
  • discoteche e piste da ballo collettivo
  • eventi sportivi con pubblico
  • Attualmente in Sassonia vige ancora un divieto di eventi e concerti con oltre 1000 persone fino ad almeno il 31 agosto. Tuttavia il divieto di grossi eventi e concerti è stato prolungato a livello federale tedesco fino a fine ottobre, quindi gli eventi potrebbero venire spostati anche in Sassonia.

Tutte le altre disposizioni dell’ordinanza sulla protezione da Corona attualmente in vigore fino al 29 giugno 2020 rimangono valide. Ciò vale anche per le restrizioni di contatto, in base alle quali sono consentiti incontri privati a casa propria senza limitazione del numero di persone. Gli incontri e le riunioni in spazi pubblici continuano ad essere consentiti solo e con i membri del proprio nucleo familiare, accompagnati dal partner, con persone per le quali esiste un diritto di custodia o di contatto, e con i membri di un altro nucleo familiare o con un massimo di dieci altre persone.

Con il nuovo decreto nelle scuole e asili sarà possibile organizzare nuovamente eventi come le serate dei genitori, conferenze, riunioni dei genitori o riunioni dei comitati nel rispetto delle norme igieniche generali e dei requisiti di distanza. Gli asili e i centri d’assistenza fino alle vacanze estive torneranno a funzionare normalmente, senza restrizioni, fino alle vacanze estive. Invece le attività nelle scuole elementari, doposcuola e scuole secondarie saranno ancora limitate, come stabilito dal precedente decreto. Se i casi di contagio rimarranno bassi le scuole potranno tornare alla normalità dopo le ferie estive.

Cosa dovrà essere ancora rispettato negli asili:

  • Obbligo di confermare lo stato di salute quotidianamente.
  • Obbligo di una mascherina (ad eccezione dei bambini e del personale in cura).
  • Obbligo di rispettare la distanza nell’accompagnare e prelevare i bambini.
  • Rispetto delle misure igieniche. Ogni persona che entrerà nelle strutture dovrà lavarsi o disinfettarsi accuratamente le mani. La scuola metterà a disposizione il disinfettante e affiggerà cartelli informativi. Le superfici, gli oggetti e gli ambienti utilizzati regolarmente devono essere puliti accuratamente, i locali dovranno essere ventilati più volte al giorno. Le apparecchiature tecniche-mediatiche il cui funzionamento richiede un contatto fisico diretto non devono essere utilizzate da più persone contemporaneamente e devono essere pulite accuratamente dopo ogni utilizzo.
  • Obbligo di fornire i dati delle persone di contatto.

Non sarà consentito l’ingresso alle strutture a persone che presenteranno sintomi SARS-CoV-2 o con contatti con persone contagiate nei precedenti 14 giorni. Nel caso di malattie con sintomi simili a Corona sarà possibile presentare un certificato medico per dimostrare l’assenza dell’infezione. Anche insegnanti ed educatori dovranno informare la direzione delle scuole dell’eventuale comparsa di sintomi e rivolgersi all’ufficio sanitario per eseguire il tampone.

 

Intanto Il ministro della salute Petra Köpping ha consegnato oggi all’amministratore delegato dell’Associazione sassone degli alberghi e dei ristoranti (DEHOGA) Axel Klein nel ristorante “Weinstock” di Lipsia un ampio materiale informativo sul coronavirus.

Leipzig, murales a Volkmarsdorf. Foto di Italiani a Lipsia

Il ministro Köpping: “La pandemia di Coronavirus non è ancora finita. Stiamo ancora registrando un aumento del numero di casi di infezione. Il rispetto della distanza minima e delle norme igieniche sono i presupposti per l’allentamento delle restrizioni finora applicate. Questo include anche la possibilità di frequentare nuovamente ristoranti, pub e caffè. Per sostenere i ristoratori nell’attuazione delle misure igieniche, abbiamo sviluppato, in collaborazione con DEHOGA, del materiale informativo che può essere esposto nei locali dai ristoratori. Con quest’azione vogliamo dimostrare che sappiamo quanto sia difficile la situazione attuale della gastronomia e vogliamo sostenere l’impegno in loco”.

Il materiale informativo comprende tovagliette segna posto, sottotazzine (per tazzine da caffè) e mascherine per il personale di servizio. Può essere richiesto gratuitamente a DEHOGA.

Il presidente di DEHOGA Axel Klein: “Il Ministero degli Affari Sociali della Sassonia si è affidato alla responsabilità personale degli imprenditori e dei loro ospiti per superare la crisi. Insieme alle Camere e alla Fachverband sono stati sviluppati piani. Ora è importante rafforzare la fiducia degli ospiti. Per questo motivo apprezziamo questo supporto, che, tra l’altro, sarà utilizzato molto bene anche in occasione di eventi come le feste del vino e le offerte turistiche”.

Per approfondire:

Petra Köpping: »Es gilt weiterhin, achtsam zu sein«– documento e discorso della ministra Köpping

Dehoga Sachsen– Informatiosmaterial e contatti

Casi di infezione in Sassonia e curva dei contagi negli ultimi 7 giorni

Bando ufficiale (Ab. 29 Juni) e e nuovo decreto sassone

Testo completo del nuovo decreto con regole per scuole, scolari e insegnanti su Sachsen.de

Foto di copertina di Gerd Altmann da Pixabay

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...