Wellenbrecher Lockdown: lockdown d’arginamento

“Dobbiamo agire – e dobbiamo agire ora” . Così si è espressa la Cancelliera tedesca Angela Merkel dopo la riunione con i primi ministri dei Länder il 28 ottobre. Le nuove disposizioni restrittive entreranno in vigore a partire dal 2 novembre e varranno fino alla fine del mese, con una nuova valutazione della situazione dopo due settimane dalla loro applicazione.

di Mara Boifava

A causa dell’aumento esponenziale dei contagi in tutta la Germania e per evitare un sovraccarico del sistema sanitario il Bundesregierung e gli Stati federali hanno deciso di adottare ulteriori misure restrittive contro la pandemia. Lo scopo è  arrestare il tasso di infezione e ridurre il tasso di incidenza sotto il limite di 50 nuove infezioni ogni 100.000 abitanti in una settimana. L’aumento dei casi è talmente dinamico che numerose autorità sanitarie non possono più garantire la tracciabilità dei contatti: secondo le stime del RKI il numero dei contagi raddoppia ogni sette giorni e quello dei pazienti in terapia intensiva ogni dieci. Sempre secondo le statistiche del Rki in più del 75% dei casi – su media nazionale – non sono chiare le circostanze dell’infezione .

Il Bundesregierung e i Länder sono consapevoli del fatto che le restrizioni siano state e siano pesanti per la popolazione, pertanto ringraziano coloro che vi si sono attenuti e che ancora si impegneranno a seguirle e infine anche il personale sanitario.
“La situazione è di nuovo molto grave. Davanti a noi abbiamo quattro difficili mesi invernali.” ha detto Merkel.  “Tuttavia i politici guardano al futuro con fiducia: i progressi compiuti nello sviluppo del vaccino e la diminuzione dei contagi in estate sono visti come segnali di speranza. Se la Germania passerà bene questo inverno allora sarà in grado di superare gradualmente la pandemia e anche di riprendersi economicamente”.

——> l’estratto del discorso della Cancelliera nella mediateca del Bundesregierung.

Qui potete trovare il testo completo delle misure stabilite da Bund e Länder.

Quali misure sono state previste? 

Le nuove regole varranno su tutto il territorio nazionale, con alcune lievi eccezioni per la Turingia, che ha dichiarato di accettarle solo con una serie di distinguo. Lo Stato, ha detto il Ministerpräsident Bodo Ramelow, sosterrà solo “quelle misure che sono adeguate a contenere efficacemente l’infezione e convalidate dalle conoscenze scientifiche”,  come viene specificato  in fondo al protocollo del Bundesregierung. Lo Stato Libero di Turingia concorda espressamente con il presidente del Bundestag, Wolfgang Schäuble , sulla necessità che misure particolarmente impegnative come il coprifuoco, il divieto di contatto e l’imposizione di un cosiddetto lockdown vengano approvate dal parlamento, e non dalla Conferenza dei Ministerpräsidenten. La Turingia avanza anche un’altra richiesta, già dibattuta negli ambienti politici: la dichiarazione di un stato di “emergenza sanitaria nazionale acuta”, tale da giustificare le misure adottate.

Ecco un riassunto per punti delle nuove restrizioni valide dal 2 novembre:

Distanza e limitazione dei contatti (Kontaktbeschränkungen)

I cittadini sono tenuti a ridurre al minimo i contatti, limitandoli in pubblico ai familiari stretti o a  due nuclei familiari/conviventi (massimo 10 persone).

Ciò è vincolante e le violazioni di queste restrizioni di contatto saranno sanzionate di conseguenza dalle autorità. Il Bundesregierung e i Länder collaboreranno per intensificare i controlli, in quanto “alla luce della grave situazione sono inaccettabili gruppi di persone che festeggiano in luoghi pubblici, in appartamenti e strutture private”.

Mascherine

Varranno le regole precedenti per l’uso delle mascherine in negozi,  mezzi pubblici o in caso di impossibilità di mantenere una distanza minima interpersonale di 1.5 metri.

A Lipsia dal 29.10 l’uso di una mascherina è obbligatorio:

  1.  negli spazi pubblici, in luoghi dove le persone si incontrano più da vicino o per periodi di tempo più lunghi, soprattutto nei  centri commerciali e nelle vie dello shopping.
    Ciò vale anche nelle assemblee, nelle riunioni e nei luoghi in cui non è possibile mantenere la distanza minima.
  2. negli edifici scolastici e inoltre anche nei locali delle scuole, ad eccezione di lezioni e attività all’aperto.
    Le persone che, al contrario rifiuteranno l’uso della mascherina, non potranno fermarsi negli edifici delle scuole.
  3. anche all’aria aperta in tutta l’area del Ring del centro città, tutti i giorni dalle 9.00 alle 24.00, alle fermate dei mezzi pubblici  e  ai mercati settimanali.

 Scuole, Bildungseinrichtungen e asili

Scuole, strutture di formazione pubbliche e private di ogni tipo, asili rimarranno aperti.  I singoli  Länder decideranno su eventuali nuove misure necessarie.

A testimonianza delle buone intenzioni di Lipsia di mantenere aperte le strutture di istruzione sono state avviati alcuni progetti a riguardo:   

  • Apertura del centro di accoglienza e dello sviluppo per bambini e adolescenti, nuovo asilo nella Stöckelstrasse
  • Premio all’innovazione alla Vhs per l’offerta dei suoi corsi online in tempo di pandemia.

Viaggi e turismo

I cittadini sono invitati ad astenersi in generale da viaggi e visite private non necessari, comprese le visite ai parenti. Questo vale anche per le gite di un giorno per i turisti. Gli alloggi e le strutture turistiche in Germania verranno messe a disposizione solo per scopi necessari, lavorativi ed espressamente non turistici.

Ristorazione

Ristoranti, gelaterie bar, club, discoteche, pub e locali simili verranno chiusi. Saranno consentiti i servizi di consegna a domicilio e di ritiro di cibi (Lieferung und Abholung) da consumare a casa e il funzionamento delle mense, con cui si intende mense integrate ad enti pubblici e privati, aziende, scuole.

Tempo libero, eventi e sport

Verranno chiuse le strutture per attività ricreative e per il tempo libero. Queste includono:
a. Teatri, opere liriche, sale da concerto e simili,
b. Fiere, cinema, parchi di divertimento e centri di attività ricreative al chiuso e all’aperto, sale giochi, casinò, negozi di scommesse e strutture simili.
c. Prostituzione, bordelli e simili.
d. Sport ricreativi e amatoriali, ad eccezione degli sport individuali, in coppia o con il proprio gruppo abitativo.
e. Piscine, saune e bagni termali.
f. Palestre e strutture simili.

Gli eventi saranno vietati.  Le partite di calcio e gli altri eventi sportivi avverranno senza spettatori.

Riguardo ai punti turismo, eventi e ristorazione le Camere dell’Industria e del Commercio sassoni (IHK) sono rimaste “molto scioccate” dall’annuncio delle restrizioni Covid-19, che saranno “applicate con brevissimo preavviso”. L’IHK ricorda che, secondo il RKI ,la causa principale dell’aumento dei contagi sono incontri e feste privati in appartamenti e sale chiuse, e che quindi le chiusure generali delle strutture per il tempo libero, del turismo e della ristorazione, così come il divieto di manifestazioni (se questo dovesse valere anche per la Sassonia) non sono giustificate. Questi settori in particolare avrebbero dimostrato che le infezioni possono essere evitate attraverso piani igienici funzionanti. Inoltre viene ribattuto che, a causa delle chiusure della ristorazione, si rischia che la gente festeggi in privato, dove il controllo sarebbe difficoltoso.

“Al fine di limitare l’impatto economico ulteriori restrizioni devono essere mirate in primo luogo alle fonti di infezione conosciute. Solo se queste misure non avranno successo si potrà discutere di ulteriori restrizioni economiche e chiusure, che dovranno poi essere compensate dallo Stato con la minore burocrazia possibile” 
Hans-Joachim Wunderlich, direttore generale della Camera di Industria e Commercio di Chemnitz e portavoce delle Camere di Industria e Commercio sassoni.

Molti settori di servizi ad alta intensità di contatti non sono in grado di far fronte all’annunciato blocco parziale a causa del continuo calo delle vendite. Ad esempio, come riporta l’IHK, già a settembre – prima del forte aumento delle infezioni in Sassonia – una azienda ogni sette  del settore turistico e gastronomico ha dichiarato di essere a rischio di insolvenza, nonostante i programmi di sostegno governativo. Nell’economia nel suo complesso una società su cinque soffrirebbe di problemi di liquidità e una su tre subisce un calo del capitale depositato.

Negozi, supermercati, centri per la cura personale e centri medici

Verranno chiusi centri estetici, i saloni di massaggi, gli studi di tatuaggi e simili perché negli esercizi per la cura del corpo è essenziale la vicinanza fisica. Invece i parrucchieri rimarranno aperti in base alle norme igieniche vigenti, così come ospedali, i centri e gli ambulatori medici, i dentisti. Altri centri assimilabili come la fisioterapia, la ergoterapia e la logoterapia, nonché la podologia/pedicure, continueranno a essere possibili.

Negozi, supermercati, drogherie e commercio all’ingrosso e al dettaglio rimarranno aperti previo un piano d’igiene, un controllo degli accessi ed eliminazione delle code. Si deve garantire che nei negozi non vi sia più di un cliente ogni 10 metri quadrati di superficie di vendita.

Finanziamenti e rimborsi

Il Bundesregierung concederà aiuti economici straordinari alle imprese, alle imprese, ai lavoratori autonomi, alle associazioni e alle strutture colpite dalle chiusure temporanee per compensare le perdite finanziarie. Verranno stanziati fino a 10 miliardi di euro.
Aziende con un massimo di 50 dipendenti– Il rimborso sarà pari al 75% del corrispondente fatturato dello stesso mese dell’anno precedente. costi fissi dell’azienda saranno rimborsati forfettariamente.
Aziende con oltre 50 dipendenti– Le percentuali per le imprese più grandi saranno determinati in base ai massimali stabiliti dalla legislazione in materia di aiuti di Stato.

“Il Bundesregierung è consapevole che nei prossimi mesi alcuni settori dell’economia dovranno accettare notevoli restrizioni alle loro attività commerciali. Per questo motivo verranno prolungate le attuali misure di aiuto alle imprese e migliorate le condizioni per i principali settori economici colpiti (Überbrückungshilfe III). Questo vale, ad esempio, per il settore culturale e eventi e per i lavoratori autonomi. Inoltre, il KfW Schnellkredit sarà prolungato e esteso anche alle imprese con meno di 10 dipendenti”.

Questa settimana il ministro federale delle Finanze Scholz e il ministro federale dell’Economia Altmaier metteranno a punto i dettagli e a breve saranno disponibili i moduli per richiedere i rimborsi.

Protezione dei dipendenti e clienti sui posti di lavoro

I datori di lavoro hanno una responsabilità speciale verso i loro dipendenti per proteggerli dalle infezioni, spiega ancora il comunicato diffuso al termine dell’incontro del 28 ottobre. Le catene di infezione che si presentano in azienda devono essere rapidamente identificate. Per questo motivo ogni azienda in Germania deve creare un piano di igiene basato su una valutazione dei rischi e su una pianificazione aziendale delle pandemie e adattarlo di nuovo in vista dell’aumento del numero di infezioni. L’obiettivo è, tra l’altro, quello di evitare contatti inutili all’interno della forza lavoro e con i clienti, di attuare misure igieniche generali e di ridurre al minimo il rischio di infezione in caso di contatti necessari attraverso speciali misure igieniche e protettive. Il Governo federale e i Länder federali invitano urgentemente le aziende a rendere di nuovo possibile il lavoro a domicilio o il lavoro mobile a casa, ovunque ciò sia possibile.

Link per approfondire:

Conferenza stampa del 28 ottobre sulle nuove misure

Decreto completo sulle nuove misure: qui e qui 

Tagesschau “Das Erste”- riassunto dei punti del decreto e video- Wir müssen handeln und zwar jetzt

Bund- Länder Beschlüsse 

IHK contro restrizioni drastiche

5 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...