Nuove regole igieniche in Sassonia e obbligo di mascherina

Ormai le ordinanze vanno di 15 giorni in 15 giorni, visto l’evolversi veloce della situazione. Cosa cambierà di qui alla fine di novembre? 

di Mara Boifava

Il 17 novembre il Sächsische Staatsministerium für Soziales und Gesellschaftlichen Zusammenhalt (ministero sassone per gli Affari e la Coesione sociale)  ha rilasciato un nuovo decreto sulle misure igieniche necessarie per impedire la diffusione del Coronavirus. Con tale decreto – che sarà in vigore dal 18 al 30 novembre incluso – sono stati ampliati alcuni punti dell’ordinanza precedente .

Per prevenire la diffusione del virus e frenare l’attuale alto numero di contagi sono state stabilite le seguenti regole igieniche generali:

  • solo le persone senza sintomi di COVID-19 possono entrare in imprese, strutture o usufruire di servizi.
  •  le buone norme per tossire e starnutire (fazzoletto, gomito) devono essere osservate e rispettate.
  •  è fortemente raccomandata la mascherina in luoghi chiusi, se non possono essere garantiti un regolare ricambio di aria e il rispetto di una distanza minima di 1,5 metri.
  • di fronte alle scuole e alle strutture per l’infanzia deve essere rispettata la distanza minima di 1,5 metri tra persone provenienti da altri gruppi abitativi e deve essere indossata la mascherina.
  • Tutte le persone sono obbligate a indossare la mascherina prima di entrare in negozi all’ingrosso e dettaglio o negozi in generale. Sono inclusi nell’obbligo anche i parcheggi dei negozi o supermercati.
  • Tutti i requisiti igienici validi nell’area interessata devono essere mostrati in modo conciso e chiaro attraverso segnaletica e poster e se necessario utilizzando pittogrammi.
  • devono essere messi a disposizione disinfettanti all’entrata di negozi, ditte, supermercati, mense e altri luoghi frequentati. Il lavaggio frequente delle mani e la disinfezione è preferibile all’uso di guanti usa e getta.
  • I locali utilizzati devono essere spesso arieggiati.
  • Nelle aziende, nei negozi e nelle strutture pubbliche deve essere nominata una persona responsabile per il rispetto dei requisiti di igiene e di controllo delle infezioni. Sulla base di una valutazione aggiornata dei rischi, i datori di lavoro devono attuare misure speciali per la salute e la sicurezza sul lavoro. A questo scopo sono state emanate norme di sicurezza sul lavoro dal ministero federale per il Lavoro e il sociale.
    Tali misure devono essere conformi alle raccomandazioni del RKI riguardo al controllo delle infezioni e devono tener conto dei piani e raccomandazioni delle associazioni professionali (Fachverband).
  • Si raccomanda vivamente l’uso della Corona-Warn-App.
  • Si raccomanda a persone appartenti a gruppi vulnerabili di rinunciare a viaggi non necessari con i mezzi pubblici.

Devono essere inoltre osservate eventuli ulteriori restrizioni regionali imposte dai sindaci e dai distretti.

Condizionatori, sistemi di aria condizionata 

Le norme sulla distanza e le misure igieniche valgono indipendentemente dal piano di ventilazione di una stanza.

Ventilazione in aree con esigenze mediche particolari
Per impianti di ventilazione in aree con particolari esigenze mediche, ad esempio pazienti in terapia intensiva, devono essere soddisfatti i requisiti di aerazione in conformità con le norme o raccomandazioni per gli impianti di condizionamento dell’aria nelle strutture mediche (ad esempio della Deutsche Gesellschaft für Krankenhaushygiene).

Ventilazione in aree senza particolari esigenze mediche
Per le altre stanze nell’area medica e infermieristica non ci sono ulteriori requisiti delle misure di ventilazione in relazione alla pandemia.
I pazienti di COVID-19 non hanno bisogno di essere sistemati in una stanza ventilata forzatamente, le ventilazioni esistenti non devono essere disattivate.
Poiché gli esperti reputano attualmente molto bassa la probabilità di trasmissione della SARS-CoV-2 attraverso impianti ecc. , questi impianti non devono essere necessariamente spenti se presenti. Tuttavia la manutenzione deve essere effettuata regolarmente. In stanze con Raumlufttechnische Anlagen (RLT) senza alimentazione d’aria esterna e senza ventilazione meccanica dovrebbe essere ventilato il più spesso possibile, in quanto l’aria fresca aiuta a diluire le quantità di virus.

Regole igieniche speciali

Ristorazione (consegna e ritiro di alimenti da asporto e bevande, mense e refettori) e strutture scolastiche, asili, internati.

Bild von Queven auf Pixabay 

In tali strutture devono essere elaborati piani igienici che comprendano l’uso della mascherina da parte del personale a contatto con il cliente. Deve essere indossata una mascherina in caso di diretto contatto con il cliente se non sono possibili altre misure di protezione efficaci (partizioni o barriere trasparenti, distanza). Visiere in plastica o simili non sono considerati come mascherina.

Nelle strutture elencate è vietato ingresso o attività lavorativa per 14 giorni a persone entrate in contatto con persone infettate.
Nel caso di un contagio positivo di un dipendente questi potrà riprendere l’attività solo dopo una quarantena di 10 giorni e almeno 48 ore senza sintomi.
Il personale deve essere addestrato e istruito al rispetto delle norme igieniche durante la pandemia.

Le mense e i refettori devono fornire ai visitatori nell’area d’ingresso pannelli informativi o pittogrammi sulle norme igieniche. Per la distribuzione di alimenti e bevande nelle mense e nei refettori self-service vale quanto segue:

  • Le posate devono essere consegnate singolarmente dal personale di servizio.
  • Vassoi e piatti devono essere protetti da starnuti e tosse dei clienti.
  • Per il prelievo di alimenti self-service è necessario utilizzare pinze o simili, che devono essere puliti e disinfettati regolarmente.
  • Il rispetto delle norme igieniche per i buffet deve essere controllato dal personale di servizio.
  • La formazione di code dovrebbe essere evitata.
  • È imperativo lavarsi le mani regolarmente.
  • Devono essere predisposti distributori di disinfettanti all’ingresso e uscita dalle mense e refettori nel settore di cibi e bevande da asporto.

In Imbiss e chioschi alimentari, anche all’aperto, devono essere rispettati – oltre alle regole vigenti per negozi – anche l’obbligo di distanza di 1, 5 metri e mascherina nelle code.

All’interno dei ristoranti deve essere mantenuta una distanza di almeno 1,5 metri tra tavoli adiacenti. Gli spazi devono essere progettati per assicurare una distanza di almeno 1,5 metri tra gli ospiti, ad eccezione di gruppi di persone (ad esempio parenti).
Particolare attenzione deve essere prestata al rispetto dei criteri igienici nella pulizia di piatti, bicchieri e posate. Stoviglie, bicchieri e posate devono essere completamente asciutti prima del riutilizzo.

Negozi e punti vendita al dettaglio e ingrosso

Bild von Renate Köppel auf Pixabay 

Nell’area d’ingresso devono essere messi a disposizione dei clienti disinfettanti e deve esserne indicato l’uso attraverso dei cartelli. I clienti devono essere informati con un cartello che non è consentito l’ingresso nel negozio in caso di sintomi COVID-19. Il personale a contatto con il cliente deve indossare la mascherina se non sono state adottate altre misure di protezione (ad es. lastre di vetro acrilico). Per i clienti vige l’obbligo di indossare la mascherina.
Inoltre tutte le persone sono obbligate a indossare la mascherina anche all’ingresso dei negozi e nei parcheggi.

Superfici e oggetti frequentemente toccati dai clienti, tra cui le maniglie dei cestini e dei carrelli devono essere pulite e disinfettate regolarmente – almeno due volte durante il giorno lavorativo.

Le marcature sul pavimento devono garantire il rispetto delle distanze minime alle casse.

Per quanto tecnicamente possibile dovrebbe essere offerto un pagamento senza contanti.

Il numero di clienti nel negozio è regolato a un cliente ogni 10 m² di superficie di vendita. In base alle dimensioni del negozio i responsabili devono fissare il numero massimo di clienti presenti contemporaneamente in negozio al fine di garantire il rispetto della distanza minima.
Nel caso si raggiungesse questo numero di clienti è necessario garantire le norme di accesso: one in, one out.

Anche nei negozi è vietato ingresso o attività lavorativa per 14 giorni a persone entrate in contatto con persone infettate.
Nel caso di un contagio positivo di un dipendente questi potrà riprendere l’attività solo dopo una quarantena di 10 giorni e almeno 48 ore senza sintomi.
Il personale deve essere addestrato e istruito al rispetto delle norme igieniche durante la pandemia.

Norme igieniche speciali con prodotti alimentari:
– devono essere utilizzate pinze, guanti usa e getta o simili con alimenti sfusi e non confezionati. Tali pinze devono essere pulite e disinfettate regolarmente.

Non sussistono obiezioni al riempimento di contenitori portati dai clienti.

Inoltre sono previste norme igieniche speciali per la vendita di prodotti cosmetici:
– è vietato provare gli articoli cosmetici come i rossetti o il trucco prima dell’acquisto, poiché questi verrebbero in contatto con più persone. Possono essere prelevate creme da barattoli aperti solo con mani accuratamente lavate e utilizzando una spatola pulita.

Pernottamento in hotel in casi lavorativi, sociali e medici urgenti

Alberghi: la prevenzione e gestione dei rischi per i...

In linea di principio l’occupazione delle camere da letto è consentita solo in casi urgenti.
Se le aree degli alberghi devono essere utilizzate da diverse persone, ad esempio aree ricreative, servizi igienici e le cucine e non può essere garantita una distanza minima di 1,5 metri, allora devono essere organizzate altre misure per evitare contatti tra individui, come diversi tempi di utilizzo e pause, un piano di lavoro.
Inoltre, tra un pernottamento e l’altro le stanze  devono essere sufficientemente ventilate.

I ristoranti delle strutture ricettive possono fornire cibo e bevande solo agli ospiti degli hotel stessi. Valgono le regole per ristorazione e mense.

Servizi per il corpo in caso di trattamenti medici necessari e per parrucchieri

L’operatore deve garantire attraverso restrizioni di accesso e disposizioni organizzative che la distanza minima di 1,5 metri sia mantenuta in tutte le aree.

A seconda delle dimensioni della struttura deve essere definito un limite massimo per il numero di persone presenti contemporaneamente al fine di mantenere la distanza minima.

Dal parrucchiere

Tosatrice per cani - Mygra - Caccia Tradizione Natura

  • deve essere rispettata la distanza di almeno 1,5 metri dai clienti e dal personale. Le marcature della distanza sui pavimenti possono essere utili come orientamento.
  • Durante il trattamento, per ragioni oggettive, la distanza tra i clienti e il rispettivo operatore non può essere mantenuta. Pertanto viene fortemento consigliato l’uso della mascherina da parte di personale e cliente durante l’intero trattamento.
  • Poiché per i trattamenti sul viso il cliente non può indossare la mascherina  il personale deve utilizzare una maschera FFP2 senza valvola di espirazione ed è necessaria una protezione degli occhi, ad es. occhiali di protezione.
  • Devono essere organizzati saponi, asciugamani usa e getta e disinfettanti, in modo da garantire il lavaggio o il disinfettarsi delle mani all’entrata nella struttura. Gli asciugatori a getto d’aria sono meno adatti, ma possono essere lasciati se sono già installati.
  • Deve essere effettuata la pulizia di routine delle superfici e degli oggetti e attrezzature (forbici, pettini, tagliacapelli, mantelli, ecc.). Resti di capelli o sporco lasciato dal cliente devono essere eliminati subito.
    Si sconsiglia tuttavia una disinfezione totale delle superfici.

Istituti di istruzione e formazione professionale, scolastica o accademica e per le biblioteche specializzate.

Notebook, Arbeitsplatz, Schreibtisch, Iphone

Bild von Free-Photos auf Pixabay 

Queste norme igieniche valgono per gli istituti di istruzione e formazione professionale, scolastica o accademica e per le biblioteche specializzate, universitarie, Sächsischen Landesbibliothek e Deutschen Nationalbibliothek, nonché per il prestito di media:

  • cartelli e poster devono mostrare tutte le norme igieniche della struttura in modo conciso e chiaro, utilizzando, se necessario, dei pittogrammi.
  • Devono essere prese disposizioni per garantire che tutte le persone che entrano negli edifici si lavino le mani. A tal fine devono essere organizzati sapone liquido e asciugamani monouso. Gli asciugatori a getto d’aria sono meno adatti, ma possono essere lasciati se sono già installati.
  • L’accesso è consentito solo a persone senza sintomi di COVID-19.  Non sono previsti misurazioni della febbre o simili. Inoltre a seconda delle dimensioni della struttura sarà da definire un numero massimo di visitatori alla volta. La mascherina deve essere indossata dai visitatori della struttura.
  • Deve essere osservata la regola della distanza e eventualmente attraverso gruppi più piccoli con ulteriore distanza tra le persone. Ciò non vale per gli istituti di formazione professionale, scolastica o accademica e di perfezionamento. I locali utilizzati devono essere spesso accuratamente ventilati.
  • È da evitare l’uso di strumenti interattivi con contatti supplementari (touchscreen, tastiere). Se possibile l’attrezzatura di lavoro deve essere utilizzata su base personale e gli strumenti devono essere disinfettati dove questo non fosse possibile.

Strutture sanitarie e per l’assistenza sociale

Medizin, Gesundheit, Brille, Krankenhaus, Klinik, Organ, Rezept, Arzt, medizinisch, Medizin, Gesundheitswesen, Termin, Diagnose, Stethoskop, Medicare, medizinische Ausrüstung

 CC0 Public Domain

Ospedali, strutture di prevenzione o riabilitazione, tutte le altre strutture sanitarie, servizi ambulatoriali di assistenza, strutture per la cura degli anziani, disabili o persone bisognose di cure e case per minori devono stabilire un piano igienico.

In caso di ricovero in istituto o di visita in case per anziani, centri per disabili o strutture sanitarie devono essere indossate mascherine.
Sono escluse le sale di trattamento specifiche e i pazienti nelle loro stanze e durante il consumo dei pasti.

Ulteriori informazioni sulle misure prese negli ospedali si trovano nel Anordnung von Schutzmaßnahmen an Krankenhäusern, valido fino a gennaio 2021.

Servizi e strutture di assistenza all’infanzia e ai giovani

Spielzeug, Kindergarten, Kindertagesstätte, Bauklötze

Bild von Alexander Vollmer auf Pixabay

I responsabili dei servizi di assistenza all’infanzia e alla gioventù devono sviluppare servizi igienici e piani di controllo delle infezioni, che contengano linee guida per i visitatori (distanza e le misure igieniche di base).
Alcune regole del decreto devono essere rispettate:

  • deve essere stabilito nel piano igienico il limite massimo dei progetti e di persone presenti contemporaneamente nelle strutture di servizi di assistenza all’infanzia e ai giovani.
  • Fondamentalmente deve essere garantito il rispetto della distanza minima tra le persone in tutte le aree; ciò vale anche per gruppi fissi ricorrenti. In particolare, il responsabile deve far rispettare la distanza minima anche attraverso restrizioni di accesso e regole organizzative.

Servizi di assistenza all’integrazione per le persone con disabilità

Ein Mann mit Down-Syndrom arbeitet in einer „Werkstatt für Behinderte“ in München, 1994 CC BY-SA 3.0 de

Per le strutture di accoglienza diurna per bambini e giovani disabili, come strutture per assistenza diurna/vacanze, in cui le prestazioni di assistenza all’integrazione sono pagate secondo la SGB IX (Neuntes Sozialgesetzbuch che regola l’inclusione e integrazione di persone disabili nella società) valgono le stesse regole delle scuole o asili (punto sopra).

Devono essere stabiliti un piano igienico adeguato, un regolamento per i trasporti da e per le strutture e organizzazione del lavoro tra l’amministrazione della struttura alloggi e la gestione di laboratori e officine per disabili, di strutture per persone adulte con disturbi mentali o psicologici, di strutture per disabili adulti e di comunità di vita assistite ambulatoriali e gruppi residenziali con persone con disabilità.

Vige l’obbligo della mascherina per pazienti e operatori durante i trasporti di routine e per i visitatori  all’interno delle strutture.

Sport, piscine, terme

Creative Commons 4.0 BY-NC

Le  norme sottostanti valgono per:

  • palestre, piscine e strutture analoghe in caso di trattamenti medici necessari
  • strutture e attrezzature per sport ricreativi e dilettantistici (sport individuale o con il proprio gruppo abitativo)
  •  training organizzato di allenamento
  • competizioni sportive senza pubblico
  1. La distanza minima deve essere rispettata dove è possibile, anche negli spogliatoi e servizi igienici. In piscine e terme deve essere mantenuta sia in acqua sia in tutte le zone fuori dall’acqua, ad esempio nelle aree di riposo e relax, negli spogliatoi, nei servizi igienici, così come nell’area d’ingresso e nella zona della cassa. A queste condizioni è possibile utilizzare spogliatoi e docce. Dove non è possibile mantenere la distanza è necessario usare la mascherina, a eccezione dell’attività sportiva stessa.
  2. Il numero di persone ammesse in ogni caso specifico dipende dal rispettivo sport o trattamento e dalla possibilità di rispettare la distanza minima di almeno 1,5 metri.
  3. Le strutture devono essere dotate di sapone liquido e asciugamani.
    Gli asciugatori a getto d’aria sono meno adatti, ma possono essere lasciati se sono già installati.
  4. Le unità di addestramento o di trattamento devono essere progettate in modo tale che il contatto fisico sia ridotto al minimo.
  5.  L’attrezzatura per l’addestramento o altri ausili medici devono essere puliti dopo l’uso.
  6. Se possibile il bancone di accoglienza dovrebbe essere dotato di dispositivi di protezione (ad es. pannelli di vetro acrilico).
  7. Deve essere elaborato e realizzato un piano di ventilazione che garantisca una maggiore fornitura di aria fresca prima, durante e dopo l’allenamento o il trattamento
  8. Il gestore di terme e piscine a scopi medici deve garantire il rispetto delle norme igieniche mediante restrizioni di accesso e norme organizzative.
  9. Le regole di comportamento e le norme igieniche devono essere comunicati agli utenti tramite cartelli o pittogrammi.

Invece per sport e gli allenamenti scolastici e le competizioni sportive senza pubblico di sportivi sotto contratto di lavoro (Bundeskader, Nachwuchskader 2 des Deutschen Olympischen Sportbundes, Spitzenkader des Deutschen Behindertensportverbandes, Nachwuchskader in Sassonia) valgono tali norme

  1. Gli allenamenti e le gare devono essere effettuati in conformità con le regole specifiche delle associazioni professionali federali. 
  2. Secondo l’ordinanza sassone sulla quarantena tutte le persone che provengono da un’area a rischio straniera devono essere messe in quarantena sul territorio nazionale per dieci giorni. La frequentazione degli impianti sportivi è quindi vietata a queste persone.
  3. Per lo svolgimento di attività sportive scolastiche sono da considerare, oltre al decreto generale, le disposizioni date dalle strutture scolastiche stesse o dalle strutture sportive esterne utilizzate.

Norme igieniche per i viaggi in autobus non turistici

– È necessario elaborare e attuare un piano d’ igiene.
– Devono essere prese precauzioni per garantire che tutte le persone si disinfettino le mani ogni volta nel salire sull’autobus.
– Si consiglia vivamente di indossare una mascherina.
– Gli autobus devono essere arieggiati frequentemente e accuratamente o in modo permanente.


Foto di copertina Shafin Al Asad Protic da Pixabay

Link per approfondire:

Sachsen.de- Medieninformation “Pflicht zum Tragen einer Mund-Nasen-Bedeckung ausgeweitet”

Deutsche Gesellschaft für Krankenhaushygiene

Anordnung von Hygieneauflagen zur Verhinderung der Verbreitung des Corona-Virus (decreto completo)

Traduzioni dei decreti (inglese, francese e altre lingue, non in italiano)

Anordnung von Schutzmaßnahmen an Krankenhäusern (21 ottobre 2020- 25 gennaio 2021)

Amtliche Bekanntmachungen- quarantena (seguirà un articolo a riguardo).

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...