Il Bundestag approva il Notbremse

Il Bundestag approva la  legge con le misure nazionali , che il 13 aprile aveva già ricevuto il parere positivo del Bundeskabinett. Per arrivare a questo risultato è stata necessaria una lunga discussione, che ha portato al “sì” ma con la modifica  di alcune parti. Domani infine la legge verrà esaminata dal Bundesrat. Se anche questo lo approverà, il regolamento verrà firmato dal Bundespräsident e sarà poi valido fino alla fine di giugno.

di Mara Boifava

Il Bundestag ha approvato oggi l’emendamento alla legge nazionale sulla protezione dalle infezioni, il cui effetto  saliente sarà l’applicazione di misure a livello nazionale per contenere la pandemia se un distretto o una città superano l’incidenza di 100 per 3 giorni consecutivi. Si tratta di un emendamento frutto di compromesso, perché due settimane fa, all’inizio della discussione, si ipotizzavano nel “freno di emergenza nazionale” misure più severe di quelle che ora verranno applicate. Il coprifuoco notturno, per esempio, doveva essere applicato a partire dalle 9 di sera invece che dalle 10 di sera come ora, e le attività commerciali non rilevanti per il sistema dovevano chiudere completamente a partire da un’incidenza di sette giorni su 100. Ma le critiche a queste condizioni severe erano troppo grandi, così sono state rielaborate di nuovo.

“Ciò di cui abbiamo bisogno ora è chiarezza e coerenza. L’emendamento alla legge sulla protezione dalle infezioni stabilisce che se l’incidenza supera i 100, bisogna fare qualcosa, ovunque in Germania. Il nuovo regolamento dovrebbe contribuire a una maggiore comprensibilità e a un maggiore sostegno delle misure necessarie. L’obiettivo è superare la pandemia, e non creare uno stato di cose permanente”.

Il ministro federale delle Finanze e Vice- Cancelliere Olaf Scholz

“La situazione è seria, molto seria. Questo è stato dimostrato da uno sguardo ai reparti di terapia intensiva. La vaccinazione e i test forniscono una prospettiva, ma non sono sufficienti da soli a contenere la terza ondata. Piuttosto, c’è un mezzo provato, testato ed efficace per farlo: ridurre i contatti e quindi le infezioni”.

Il ministro federale della Sanità Jens Spahn

Il freno di emergenza federale prevede ora una varietà di misure per ridurre significativamente i contatti e rallentare la diffusione del virus in caso di aumento dell’incidenza dell’infezione. La maggior parte degli strumenti sono già familiari a molti cittadini, poiché sono già stati concordati dai governi federali e statali per combattere la pandemia. Le misure del freno verranno applicate di norma a partire da un tasso di incidenza di 100 casi su 100.000 abitanti in 7 giorni, ma per negozi e scuole sono state stabilite incidenze specifiche. Vediamo il Notbremse in dettaglio:

Maßnahmen im Infektionsschutzgesetz zur Kontaktreduzierung. Details in der Bildbeschreibung.
Quelle: Bundesregierung
Regelungen der Notbremse zum Einzelhandel und zum Sport.
Quelle: Bundesregierung
Regelung der Notbremse bei Kultur, Freizeit, körpernahen Dienstleistungen und Gastronomie
Quelle: Bundesregierung

Restrizioni di contatto per incontri privati all’interno e all’esterno.

La riduzione dei contatti privati e professionali è il mezzo più efficace per rallentare il numero di nuove infezioni. Sotto l’incidenza 100 saranno possibili incontri privati e pubblici di max. 5 persone di 2 gruppi abitativi. Se l’incidenza supererà il tasso di incidenza 100 saranno permessi solo gli incontri tra un gruppo abitativo e un’unica persona esterna.


Aperture di negozi.

Anche con un’alta incidenza rimarranno aperti i negozi per le necessità quotidiane e per servizi essenziali, come supermercati e negozi di alimentari (compresa la vendita diretta), i mercati delle bevande, i negozi biologici, i negozi per bambini, le farmacie, i negozi di forniture mediche, gli ottici, i fornitori di protesi, le stazioni di servizio, i punti vendita di giornali, le librerie, i fioristi, i mercati di forniture per animali domestici, i mercati di mangimi, i vivai, i grossisti, i negozi di riparazione di biciclette e auto, le banche e le casse di risparmio, gli uffici postali e simili.
In tutti i casi saranno, naturalmente, da rispettare piani igienici e sarà obbligatorio indossare una mascherina medica.

Per gli altri negozi sarà decisivo il tasso d’incidenza 150. Se l’incidenza sarà inferiore a 150 i negozi rimarranno aperti con click & meet e con un test negativo obbligatorio. Sopra i 150 casi su 100.00 abitanti per 3 giorni consecutivi verrà richiuso tutto.


Servizi relativi al corpo.

I servizi relativi al corpo devono essere usati solo per scopi medici, terapeutici, infermieristici. Eccezioni: parrucchiere e pedicure, ma solo se i clienti possono presentare un test negativo attuale del giorno di visita e sarà obbligatoria la mascherina FFp2, come negli altri servizi per il corpo. Altri servizi legati al corpo non saranno più possibili con un’incidenza sopra 100.

Ristoranti, hotel, strutture ricreative, culturali, strutture per il tempo libero e sportive limitati

Ristoranti e hotel, strutture ricreative e culturali eventualmente aperte devono richiudere quando l’incidenza supererà il limite 100.
Eccezioni: aree esterne di giardini zoologici e botanici, che possono continuare a essere visitati con un test negativo del giorno di visita.

Gli atleti professionisti così come gli atleti competitivi delle squadre federali e statali possono continuare ad allenarsi e anche a gareggiare, come prima senza spettatori e nel rispetto dei piani igienici.
Per tutti gli altri vale quanto segue: sport sì, ma da soli, in coppia o solo con membri del proprio gruppo abitativo. Eccezione: i bambini fino a 14 anni possono fare sport senza contatto all’esterno in un gruppo con un massimo di altri cinque bambini.


Restrizioni di uscita e coprifuoco notturno con incidenza sopra 100

Tra le 22 e le 5 del mattino potrà uscire di casa solo chi ha un motivo valido, come andare al lavoro, dal medico o a portare a spasso il cane. Fino a mezzanotte sarà però ancora possibile fare jogging o camminare fuori da soli.

Scuole

Nessun insegnamento in classe quando l’incidenza è superiore a 165, in quanto l”infezione non si ferma alla porta della scuola. A causa della situazione dinamica dell’infezione è stata stabilita una regola a livello nazionale, ovvero se l’incidenza supererà il tasso d’incidenza 165 per tre giorni consecutivi verranno vietati l’insegnamento in presenza nelle scuole e l’assistenza regolare negli asili. Possibili eccezioni: classi di diplomandi e Förderschulen.

Homehoffice.

L’obbligo di Homeoffice è già parte dell’ordinanza sulla salute e la sicurezza sul lavoro. I dipendenti ora hanno anche l’obbligo di fare Homeoffice, se possibile.

Ecco il discorso della Cancelliera nel Bundestag:

Discorso completo della Cancelliera- Rede von Bundeskanzlerin Dr. Angela Merkel

YouTube– Phoenix- Notbremse – Bundeskanzlerin Angela Merkel im Bundestag am 16.04.21

“Non c’è modo di evitarlo: dobbiamo frenare la terza ondata della pandemia e fermare il rapido aumento delle infezioni. Per raggiungere finalmente questo obiettivo, dobbiamo combinare le forze del governo federale, degli stati e delle autorità locali meglio di quanto abbiamo fatto recentemente. Ecco perché stiamo traendo le conseguenze necessarie.
Sono consapevole che si tratta di restrizioni dure. Soprattutto per quanto riguarda le tanto discusse restrizioni del coprifuoco, che non saranno la soluzione, ma potrebbero avere il loro effetto se combinati con altre misure come le severe restrizioni di contatto. Il controllo della pandemia consiste nel ridurre i contatti. Si tratta di ridurre gli spostamenti serali dei visitatori da un luogo all’altro – incluso l’uso dei mezzi pubblici. I vantaggi di questa misura superano gli svantaggi.
Tutte le misure hanno un unico obiettivo: portare tutto il nostro Paese fuori da questa terribile fase di un numero sempre crescente di infezioni e morti a causa di Corona, di riempimento delle unità di terapia intensiva piuttosto che continuare a trascinarci in qualche modo attraverso questo periodo. L’abbiamo già fatto prima, vero? Ora possiamo farlo di nuovo”.

La Cancelliera Angela Merkel

Opposizione e critiche

Ma il “freno d’emergenza federale” rimane controverso. Nel dibattito al Bundestag, l’opposizione in particolare ha espresso forti critiche sulle misure. L’FDP si oppone al previsto coprifuoco notturno, in quanto non considerato “mezzo adatto” per contenere la pandemia, come ha sottolineato la deputata Christine Aschenberg-Dugnus: “Le misure limitano solo i diritti fondamentali in modo inammissibile e costringono le persone nella sfera privata”. Per questo motivo, il partito minaccia di presentare una denuncia costituzionale contro il Notbremse.

Per  Die Linke gli emendamenti alla legge sulla protezione dalle infezioni lasciano ancora troppe scappatoie, soprattutto per quanto riguarda le aziende. Amira Mohamed Ali, capo del gruppo dei Linke, ha sottolineato che le aziende non sono state ritenute abbastanza responsabili e che il lavoro in homeoffice deve essere monitorato più attentamente.


Una critica completa al “freno d’emergenza” è arrivata dall’AfD, che con Alexander Gauland sottolinea come il “freno d’emergenza rappresenti un attacco alle libertà civili, al federalismo e al buon senso” così come un “disprezzo per i diritti fondamentali”. Per dimostrare il disprezzo alle regole e la protesta contro il Notbremse politici dell’AFD e Querdenker hanno marciato a Berlino insieme a altri manifestanti senza indossare mascherine o rispettare distanze. La manifestazione è stata sciolta e circa 200 persone sono state arrestate.

Foto von form PxHere

Link per approfondire:

Bundesweite Notbremse beschlossen (21.04)

Rede von Bundeskanzlerin Dr. Angela Merkel (21. 04)

So lässt sich das Ansteckungsrisiko am Arbeitsplatz reduzieren (19.04)

Il Bundeskabinett approva la bozza della nuova legge federale contro la pandemia (13.04)

Caos nei decreti e autonomie federali, il Bund vuole maggiori poteri. Chi si oppone, e chi è a favore? (12.04)

Tagesschau- Bundestag beschließt die “Notbremse”

Rbb- Rund 200 Festnahmen bei Corona-Protesten in Berlin

9 commenti

  1. […] L’attuale incidenza del 12 maggio a Lipsia è 74, 83 l’11 maggio, 91 il 10 maggio, 96 il 9 maggio, 97 il 7 maggio. Per trovare valori sopra i 100 bisogna tornare al 6 maggio, quindi in base a questi valori sotto il limite 100 solo per Lipsia è possibile un’ordinanza separata, con allentamenti maggiori rispetto al resto della Sassonia. A parte Dresda e Lipsia il resto del Freistaat supera attualmente l’incidenza 100, quindi negli altri distretti rimarrà in vigore il Notbremse. […]

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...