Perché il Verde è il colore mancante del Saarland

A causa di divisioni interne al partito i Grünen non potranno presentare la propria lista di partito del Saarland alla prossima Bundestagswahl. Significa, per loro, perdere i secondi voti al partito, ma non un’esclusione dalla corsa alla Cancelleria tedesca. Vediamo insieme i motivi per questa situazione.

di Mara Boifava

La mancanza dei Grünen nel Saarland ha destato, in luglio, uno scandalo. Già in giugno era iniziata una lotta per il potere tra i membri del partito federale (Annalena Baerbock, Michael Keller) da un lato e del Land (Hubert Ulrich) dall’altro, causando una crisi interna. Inoltre secondo uno statuto interno del partito per la parità delle possibilità i posti dispari e in genere come candidato di spicco della lista VERDI sarebbero riservati alle donne, solo in caso non si candidino donne i candidati potranno essere decisi tramite assemblea.

§ 1 Mindestquotierung – Wahllisten sind grundsätzlich alternierend mit Frauen und Männern zu besetzen, wobei den Frauen die ungeraden Plätze zur Verfügung stehen (Mindestparität). Frauen können auch auf den geraden Plätzen kandidieren. Reine Frauenlisten sind möglich. Sollte keine Frau für einen Frauen zustehenden Platz kandidieren bzw. gewählt werden, entscheidet die Wahlversammlung über das weitere Verfahren. Die Frauen der Wahlversammlung haben diesbezüglich ein Vetorecht entsprechend § 4 des Frauenstatuts.

Grünen- Frauenstatut

Ulrich, invece, il 20 giugno si sarebbe candidato come uomo come unico Spitzenkandidat violando lo statuto e lamentandosi, tuttavia, di “una pressione massiccia e interferenza del comitato federale, e di Annalena Baerbock, su un comitato esecutivo statale democraticamente eletto”.

„Der Bundesvorstand – und damit auch Michael Kellner und Annalena Baerbock – haben massiv in Kompetenzen eines demokratisch gewählten Landesvorstandes eingegriffen“, zog Ulrich bitter Bilanz und beklagte sich, noch am Tag vor der Neuauflage des Parteitags habe die Bundespartei „massiv Druck“ auf den Landesvorstand ausgeübt”.

Taz-Citazioni di Ulrich, Articolo “Nach bizarrem Machtkampf im Saarland:Grünen-Liste endgültig abgewiesen”, paragrafo “Baerbock hatte sich von Ulrich distanziert”

Di fatto, al termine della lotta interna, i quarantanove delegati della sua lista locale sono stati privati del diritto di essere votati e dopo il 17 luglio (data di scadenza per la presentazione della lista) furono presentati nuovi nominativi della lista locale di Saarlouis (cittadina sul fiume Saar al confine tra Germania e Francia), come ad esempio la portavoce della Grünen Jugend Saar, Jeanne Dillschneider. Il tribunale del partito sostenne allora che l’elezione dei delegati a Saarlouis non era aperta al pubblico e che per questo motivo era ancora possibile cambiare i candidati, ma questa argomentazione è stata respinta come inaccettabile dal Comitato elettorale del Land, il cui commissario Monika Zöllner ha ritenuto l’esclusione di questi delegati come una “palese violazione del principio di democrazia”, negando quindi l’ammissione della lista dei VERDI.

Alla decisione i Grünen hanno presentato ricorso presso il Comitato elettorale federale, ottenendo un nuovo rifiuto (6 voti a sfavore, 2 consensi e 2 astensioni) e l’esclusione della lista statale dei Verdi. Riassumendo alla Bundestagswahl i Grünen non potranno contare sui secondi voti (voto al partito) dal Saarland. Saranno invece conteggiati i primi voti (diretti ai candidati, in genere un mandato). Si tratta in realtà più di un danno di immagine rilevante, non di una vera esclusione dei VERDI dal posto di Cancelliere in quanto il Saarland, come nel 2017, dispone solo di 10 mandati totali (per tutti i partiti) contro ad esempio i 108 (77 uomini, 31 donne) della Baviera o i 142 della NRW (104 uomini, 38 donne) .

Bpb- Quelle Wahlleiter, Abgeordnete nach Land und Geschlecht

Bisogna inoltre considerare sia l’usuale debolezza dei Grünen in Saarland (2017-solo il 6% dei voti nel Land) sia la relativamente scarsa popolazione votante, quindi meno voti a disposizione (meno dell’1% della popolazione votante tedesca). Nelle cartine qui sotto potete vedere la ripartizione dei secondi voti per i VERDI nel Saarland (6%).

Bpb- Quelle Wahlleiter, Zweitstimmenergebnis nach Ländern
Bpb- Quelle Wahlleiter, Zweitstimmenergebnis der Grünen

Se i VERDI ricevessero il 21% dei voti a livello nazionale, come nell’attuale barometro politico su ZDF, il partito avrebbe ancora un totale di voti del 20,76%, quindi la perdita dei voti in Saarland rappresenterebbe una perdita percentuale dello 0,24 %. Per tutti questi motivi quindi non è esclusa una possibile futura Cancelliera dei Grünen.

Per avere una panoramica sulla elezioni federali consultate questa breve guida: Bundestagswahl 2021: chi, come, dove e quando

Foto di copertina: Foto von form PxHere

Link per approfondire:

Taz- Nach bizarrem Machtkampf im Saarland:Grünen-Liste endgültig abgewiesen

Grünen- Frauenstatut

Junge Welt- Die Grünen verlieren Saarland

Bundestagswahl 2021- Kanzlerkandidaten

Bundeszentrale für politische Bildung– Wählerstimmen in Ländern und Wahlkreisen und Sitzverteilung

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...