Sassonia: nuovo modello opzionale 2G e indice di ospedalizzazione

Rimarranno in vigore le attuali misure dall’incidenza 35 e i criteri sui letti, tuttavia c’è qualcosa di nuovo: una regola opzionale delle 2G (vaccinati e guariti) e l’incidenza di ospedalizzazione. Il nuovo decreto entrerà in vigore dal 23 settembre fino al 20 ottobre incluso.

di Mara Boifava

Dopo la riunione del Gabinetto sassone del 21 settembre il Freistaat Sachsen ha annunciato che i due modelli 3G e 2G potranno essere affiancati, ovvero l’organizzatore di eventi potrà scegliere il modello da applicare. Nel caso delle 3G potranno entrare anche i testati, e dovrà essere mantenuta distanza e indossata la mascherina, nel caso delle 2G potranno cadere le misure precauzionali di distanza e sarà possibile togliere la mascherina. Un’altra novità riguarda il nuovo valore di soglia da considerare, quindi bisognerà considerare l’incidenza 10, 35, i due livelli di sovraccarico (massimo180 letti in terapia intensiva e 560 in reparti normali) e l’incidenza di ospedalizzazione in 7 giorni.

Per le elezioni federali varranno regole particolari: nei seggi dovranno essere rispettate le regole igieniche e indossata la mascherina, ma non verranno applicate le regole 3G e la registrazione dei contatti.

Le misure igieniche di base, mascherine e distanza minima comprese, continueranno a valere (anche per i vaccinati).

Riassunto del decreto (punto ab dem 23. September)

comunicato sulle misure dal 23 settembre

Decreto completo (28 pagine, in tedesco)

Conferma di Lipsia del decreto sassone

Ecco le incidenze in Sassonia e a Lipsia, la situazione dei letti e l’incidenza di ospedalizzazione.

Coronavirus Sachsen- Inzidenzfälle 22.09

In entrambi i poli ospedalieri di Dresda e Chemnitz il valore critico oltre il quale scatta l’emergenza è di 500 letti di ospedale occupati da pazienti Covid-19 nei reparti normali e 170 letti di terapia intensiva. A Lipsia la soglia è l’occupazione di  trecento letti nei reparti normali e 80 letti nei reparti di terapia intensiva. In totale in Sassonia attualmente sono occupati da pazienti Covid 104 letti nelle stazioni normali e 43 in quelle intensive. Questi indicatori saranno particolarmente importanti in autunno, qui trovate la situazione negli ospedali e la situazione degli ultimi 14 giorni: Aktuelle Bettenbelegung durch COVID19-Patienten in den sächsischen Krankenhäusern (Bettenindikator).

Ecco lo sviluppo dell’incidenza di ospedalizzazione negli ultimi sette giorni:

Entwiclung der Hospitalisierung

Quali sono le nuove misure in dettaglio?

La maggior parte delle misure sono rimaste invariate, pertanto qui metteremo solo le parti nuove e quelle importanti da ricordare. Il resto potete leggerlo nell’articolo sul precedente decreto: Cambiamento dei parametri: attenzione ai letti!

CONFERMATO- Regole AHA e mascherina

Rimangono obbligatorie le regole igieniche di base. Si raccomanda ancora fortemente di mantenere la distanza minima di 1,5 metri dalle altre persone. La mascherina chirurgica o FFp2 (senza filtri) deve essere utilizzata:

  • SEMPRE sui mezzi pubblici,ospedali/medici e nei servizi per il corpo (estetista, manicure, parrucchiere, pedicure…).
  • SE le persone si incontrano e non mantengono la distanza minima. Questo vale anche all’aperto e nei negozi e indipendentemente dall’incidenza 10.
  • con un’ INCIDENZA superiore a 10- anche nei negozi e supermercati (Lipsia ha un’incidenza più alta quindi vale l’obbligo di mascherina)

Non c’è l’obbligo di mascherina:

  • in genere all’aperto e nei negozi SOTTO l’incidenza 10, purché venga mantenuta la distanza minima. Quindi in un supermercato o al mercato non è consigliato.

NUOVO-Modello opzionale 2G a fianco dell’attuale 3G

Con la nuova ordinanza il Governo statale introduce il modello 2G opzionale: le seguenti strutture, eventi e servizi con l’opzionale modello 2G (solo genesen, geimpft) potranno quindi rinunciare a tutte le restrizioni di distanza, obbligo di mascherina e limitazione al numero dei visitatori in base alla capacità:

  • sale interne della ristorazione interna
  • eventi al chiuso e festival, eventi con un numero massimo di 5.000 visitatori presenti contemporaneamente
  • sport al coperto
  • piscine coperte e saune
  • strutture culturali e per lo svago (spazi chiusi)
  • viaggi turistici (non lavorativi) in treno e autobus
  • discoteche, bar, club al chiuso
  • scuole di arte, musica e danza (al chiuso).

Tutti i servizi per il corpo, le mense e le caffetterie così come bagni, saune o sport a scopo medico e teraperutico sono generalmente esclusi dalla possibilità del modello opzionale 2G.

Come nell’attuale decreto sassone gli alunni continuano ad essere esentati dagli obblighi di test previsti dalle 3G-Regeln, in quanto sono già regolarmente soggetti a test obbligatori in base al regolamento scolastico Corona. Anche con il modello 2G i visitatori sotto i 16 anni potranno partecipare senza dover presentare prova di vaccinazione o stato di guarigione. Inoltre i non vaccinati per motivi medici potranno continuare a presentare il tampone negativo, che per loro sarà gratuito anche dopo l’undici ottobre.

Invece i dipendenti che non sono stati vaccinati o non sono guariti dovranno presentare un test negativo e indossare una mascherina per tutta la durata dell’evento.
Sempre nel caso di utilizzo del modello 2G l’autorità sanitaria competente deve essere notificata con tre giorni lavorativi di anticipo.
Questa possibilità di scegliere tra i due modelli cesserà di essere valida una volta raggiunto il livello di sovraccarico dei letti, il cui principio rimarrà invariato dall’ultimo decreto. Una volta raggiunto il sovraccarico diventerà obbligatorio per tutti il modello 2G, quindi agli eventi o alle cene al ristorante potranno partecipare solo vaccinati e guariti, tuttavia in quel caso tornerà l’obbligo di mascherina nelle strutture interessate e dovranno essere rispettate nuovamente le limitazioni al numero degli spettatori in base alla capacità della struttura.

Promemoria: quali sono le regole attuali del modello 3G e le misure che verranno appplicate dall’incidenza 35?

Il superamento della soglia 10 casi su 100.000 abitanti in 7 giorni non comporta in realtà cambiamenti rilevanti delle misure, si tratta di una valore indicativo a cui è legata l’entrata in vigore dell’obbligo di mascherina chirurgica o FFp2 nei negozi e supermercati. Sotto il 10 è possibile non indossare la mascherina sui mezzi e nei negozi , sopra il 10 diventa obbligatoria.

Decisamente più incisiva era e rimane l’INCIDENZA 35 in quanto è legata alle nuove regole per gli ingressi (3G o 2G Regeln)Se il valore di incidenza su 7 giorni supera il valore soglia di 35 per cinque giorni consecutivi in un distretto o in una città, dal sesto giorno scatta l’obbligo di registrare i contatti e le 3G/2G Regeln, ovvero di presentare la prova di guarigione, la vaccinazione o un test negativo. Dove varranno queste regole?

  • per entrare nelle sale interne dei ristoranti. Non serve la prova per ritirare cibo da asporto.
  • per partecipare a eventi e accedere a strutture culturali e ricreative al chiuso,
  • per usufruire di servizi legati al corpo (parrucchieri, estetisti, pedicure, manicure…).
  • per praticare sport in strutture e palestre al coperto e accedere alle piscine coperte e alle saune. Per palestre, piscine e servizi del corpo vale l’esenzione dalle 3G Regeln SE sussisterà una necessità medica.
  • per entrare in discoteche, bar e club al coperto
  • per accedere ai servizi di alloggiamento (hotel, ostelli). Vale già dall’arrivo in Sassonia. Eccezione costituita da campeggi (all’aperto) e appartamenti per le vacanze.
  • per accedere a sale gioco, casinò e negozi di scommesse,
  • per la partecipazione a scopo turistico ( e non lavorativo) a viaggi in treno e in autobus, anche con mezzi locali e servizi di linea.
  • per entrare nei bordelli o per i “servizi” di prostituzione

Con un’incidenza sotto 35 vale l’obbligo di presentare una volta alla settimana la prova di vaccinazione, guarigione o test per gli istituti di istruzione superiore, per la Berufsakademie Sachsen, per gli istituti per Fortbildungen o esami, VHS, Hochschulen. Questi istituti possono
variare le misure per i partecipanti a corsi ed esami in presenza.

Invece con un’incidenza sopra i 35 i dipendenti e i lavoratori autonomi con contatto diretto con i clienti (ad esempio nelle strutture per bambini o adolescenti) sono tenuti a fornire la prova di un test negativo due volte a settimana. I tamponi dovranno essere per legge messi a disposizione gratuitamente dal datore di lavoro.

NUOVO- 7-Tage Inzidenz Hospitalisierung come nuova soglia

Il regolamento aggiunge un altro valore di soglia a quelli già esistenti, ovvero l’incidenza d’ospedalizzazione in 7 giorni. Il valore è registrato per tutto il Freistaat e con esso si intende il numero di persone ricoverate in ospedale in relazione a COVID-19 negli ultimi 7 giorni su 100.000 abitanti. Pertanto d’ora in poi bisognerà considerare l’incidenza 10, 35, i due livelli di avvertimento/ sovraccarico e l’incidenza dei ricoveri in 7 giorni. I valori critici dei letti occupati e l’incidenza dei ricoveri dovranno essere considerati insieme.
Forse è meglio ricordare cosa si intende per livelli di avvertimento (Vorwarnungstufe) e sovraccarico (Überlastungsstufe). Si tratta di due valori basati sull’occupazione dei letti in terapia intensiva e nei reparti normali. In una prima fase, almeno finché l’occupazione dei letti non raggiungerà livelli critici, vaccinati, guariti e testati avranno ovunque le stesse opportunità. In una seconda fase, con il raggiungimento del sovraccarico negli ospedali, solo vaccinati e guariti avranno accesso agli eventi e a altri servizi non di base. Nel caso queste fasi entrassero in vigore, i regolamenti corrispondenti si applicherebbero in tutta la Sassonia, indipendentemente dalle incidenze dei singoli distretti.

D’ora in poi il cosiddetto VORWARNSTUFE (livello di avvertimento) sarà raggiunto il secondo giorno se per i precedenti cinque giorni consecutivi l’incidenza dei ricoveri supererà la soglia di 7 e se saranno occupati da pazienti COVID-19 650 letti nei reparti normali o 180 letti nelle unità di terapia intensiva degli ospedali sassoni.

Se verrà raggiunto questo livello verranno limitati ulteriormente gli incontri, anche al di là  delle misure in vigore con un’incidenza superiore a 35:

  • gli incontri privati in spazi pubblici e privati (quindi ad esempio in ristoranti o a casa) verranno limitati fino a un massimo di dieci persone, ma senza restrizione dei gruppi abitativi. Non vengono conteggiati i vaccinati, bambini e ragazzi fino ai 14 anni, così come i guariti (6 mesi dal PCR senza il vaccino, più a lungo con una dose).


Il livello di sovraccarico (ÜBERLASTUNGSSTUFE) verrà raggiunto il secondo giorno se per i precedenti cinque giorni consecutivi l’incidenza dei ricoveri supererà la soglia di 12 e se saranno occupati da pazienti COVID-19 1.300 letti nei reparti normali o 420 letti nelle unità di terapia intensiva degli ospedali sassoni.

Contrariamente al precedente livello di avvertimento in questo caso per i non vaccinati non sarebbe più sufficiente un test negativo per poter usufruire dei servizi non di base. Varrebbero quindi per l’accesso a eventi, ristoranti, musei, teatri, cinema ecc. non più le 3G Regeln, bensì le 2G Regeln (geimpft o genesen). Chiaramente i bambini sotto i 12 anni e le persone che non possono essere vaccinate per motivi medici costituiscono un’eccezione.  Altre variazioni dalla regola valgono per gli hotel per soggiorni non turistici e per le fiere: nel primo caso verrebbe accetato un test antigenico negativo, nel secondo l’ingresso sarebbe consentito con un PCR negativo.
A questo livello gli incontri privati sarebbero limitati ai membri del proprio gruppo abitativo e a un’altra persona extra. Vaccinati, guariti e i bambini fino a 14 anni non verranno inclusi nel conteggio.

NUOVO- Scuola e asili

Il regolare funzionamento della scuola e dell’asilo continuerà ad essere garantito.
Nelle prossime settimane nelle scuole e negli asili continueranno a svolgersi lezioni regolari (Regelbetrieb) indipendentemente dall’incidenza dei sette giorni.
Verrano applicate nuove restrizioni solo quando verrà raggiunto il livello di sovraccarico negli ospedali e anche in questo caso sono previste eventualmente chiusure locali e non statali o nazionali. Nel caso di sovraccarico è, invce, previsto che gli asili, le scuole primarie e in alcuni casi le scuole speciali passeranno a un Regelbetrieb limitato con gruppi/classi fisse, mentre le scuole secondarie proseguiranno le lezioni a classi alternate. Gli esaminandi continueranno a andare a scuola in presenza.
La frequenza scolastica rimane obbligatoria per tutti gli alunni, così come rimarranno obbligatori e gratuiti i test due volte alla settimana per poter accedere alle strutture scolastiche e l’uso della mascherina negli edifici, corritori, bagni delle scuole, in classe in base all’incidenza o in genere in caso di mancata distanza.

Ulteriori informazioni sulla scuola e asili possono essere trovate sul blog del Ministero dell’Istruzione

Test obbligatori nelle scuole

Per frequentare la scuola e l’asilo le persone devono sottoporsi al test due volte alla settimana (una sotto l’incidenza 10) o presentare un test negativo all’ingresso. Il ministro dell’Istruzione Christian Piwarz ribadisce che i test nelle scuole rimarranno gratuiti e quali siano le eccezioni:

“I test antigenici continueranno ad essere resi disponibili gratuitamente nelle scuole. D’altra parte, non dovrà essere presentato nessun test negativo per le riunioni della conferenza scolastica o dei comitati dei genitori e degli alunni, così come per le discussioni tra genitori e insegnanti. Le persone vaccinate e guarite sono comunque esentate dal test obbligatorio, così come i bambini negli asili nido e nelle scuole materne”.

 

Obbligo di mascherina nelle aule a partire da un’incidenza di 35

A partire da un’incidenza di 35 giorni gli alunni delle scuole secondarie e gli insegnanti dovranno anche indossare una mascherina in classe, mentre gli alunni della scuola primaria ne rimarranno esentati. L’obbligo decade sotto se l’incidenza scenderà stabilmente sotto 35, tuttavia si raccomanda comunque di indossare una mascherina chirurgica o FFP2.

Confermato-Test sul lavoro

Dal 26 luglio i dipendenti devono fornire la prova di un test negativo il loro primo giorno di lavoro in ufficio dal rientro dopo cinque giorni lavorativi consecutivi di vacanze o ferie (anche a casa).
In alternativa è possibile anche sottoporsi, durante il primo giorno di lavoro, a un test documentato sotto supervisione. La regola non vale per l’Homeoffice: in questo caso il lavoratore dovrà sottoporsi al test nel rientrare in ufficio.
I datori di lavoro devono mettere i tamponi a disposizione gratuitamente.

Link per approfondire:

Einführung des 2G-Optionsmodells für Sachsen- Kabinett beschließt neue Corona-Schutz-Verordnung (21.09)

Leipzig- Neue Sächsische Corona-Schutz-Verordnung ab 23.09.2012: Einführung 2G-Option

Bildung Sachsen Blog

Regelmäßiger Schul- und Kitabetrieb wird weiter mit bekannten Maßnahmen gesichert (21.09)

 

 

 

 

 

Foto di Elf-Moondance da Pixabay

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...