Bundestagswahl 2021. Lipsia e le sue roccaforti

Volkmarsdorf soppianta (almeno in un Wahllokal) Connewitz come quartiere in cui la Linke ha il record dei consensi, a Schönefeld-Ost un votante su tre sceglie Spd, la Cdu ha il suo peggior risultato negativo a Neustadt-Neuschönefeld e AfD è il partito vincitore in tre quartieri e in più di 110 seggi.

di Mavi Caporali

Leipzig resterà, in questa elezione, come l’unica città della Sassonia in cui la Linke è riuscita a fare eleggere un proprio deputato per mandato diretto (e,nella crisi che attraversa il partito della sinistra, non è un’impresa da sottovalutare).
Ma il voto per formare il nuovo Bundestag ha rivelato molto dell’atteggiamento dei cittadini e delle cittadine di Lipsia nei confronti dei partiti. Uno dei primi dati è che i Verdi, pur essendo complessivamente il secondo partito per livello di consenso (e il primo nel collegio di Leipzig II), non sono riusciti a conquistare un mandato diretto. Nel “voto di partito”, cioè nella Zweitestimme, vanno oltre il 25 per cento dei consensi in 163 seggi sui 583 che ne conta la città. Ma nella Erststimme, dove si vota direttamente per il/la candidat*, questa percentuale di consenso l’hanno superata soltanto nella metà dei seggi. Tuttavia possono vantare il 40,1 per cento dei voti a Schleußig (+15%), circoscrizione elettorale dove hanno conquistato anche il 35 per cento al primo voto.

Paula Piechotta, che era candidata proprio nel collegio 153, non nasconde il risentimento verso Die Linke, che accusa di aver contribuito con la propria campagna elettorale per il collegio di Leipzig 152 alla sconfitta di misura del candidato dell’Spd Mann e alla vittoria della Cdu. Nelle precedenti elezioni del 2017 i Verdi avevano scelto di sostenere il candidato della Linke, Sören Pellmann, proprio per evitare di consegnare il mandato diretto ai cristiano-democratici. Stavolta però gli accordi non sono stati possibili, dice Piechotta, a causa delle posizioni politiche prese da Pellmann dopo l’ingresso nel Bundestag. I dettagli del rifiuto li spiega in questa risposta a una elettrice: uno dei motivi è il clima, che Pellmann non difenderebbe abbastanza, l’altro motivo si chiama Sahra Wagenknecht.

Piechotta: perché un’alleanza a Lipsia non è possibile.

I Verdi saranno pure in testa nel collegio di Leipzig II, ma il record di consensi lo ha Sören Pellmann,  che al seggio numero 4139 di Connewitz si prende la maggioranza assoluta con il 56,9 delle preferenze. Però il suo partito raccoglie la percentuale più alta a Volkmarsdorf (45,7 per cento) e non in quella che viene da sempre considerata la sua roccaforte. Connewitz è ancora il quartiere in cui un votante su tre sceglie Die Linke, ma il partito qui ha perso il 6,7 dei consensi. Se Pellmann ce l’ha fatta a mantenere il posto di deputato, lo deve più alla sua personalità che all’interesse verso il suo gruppo di appartenenza. Questo stesso scollamento, ma all’inverso, ha riguardato i Verdi: forte il partito, deboli (o meno convincenti) le persone candidate.

Tuttavia la Linke può ritenersi soddisfatta della penetrazione quasi capillare dei suoi candidati in città: in più del 20 per cento dei seggi hanno ottenuto oltre il 25 per cento dei consensi, e in più del 10 per cento dei casi hanno superato il 30 per cento. E l’elezione di Pellmann ha anche un risvolto nazionale: contribuendo ai tre mandati diretti, salva Die Linke dal timore di non entrare in Parlamento federale per il mancato raggiungimento della soglia di sbarramento.

Il mandato diretto è sfuggito all’Spd per pochissimi voti, per la precisione 513, quelli che hanno separato il candidato Mann dal suo avversario della Cdu, Lehmann. Per tutto il tempo dello scrutinio i due sono stati alla pari, alternandosi al primo posto. La situazione di stallo è andata avanti a lungo, perché alcuni seggi hanno avuto forti ritardi nelle operazioni di spoglio, ed era già notte quando si è chiuso l’ultimo conteggio ancora in corso, in uno dei seggi di Grünau Nord.

Ma al di là del mancato posto al Bundestag, anche l’Spd di Lipsia può dirsi soddisfatta. Per i socialdemocratici di Lipsia ha inciso l’effetto trainante del loro candidato Cancelliere, Scholz? A giudicare dall’aumento del consenso (+3,3 nel mandato diretto, e +7,9 nel voto di lista) sembrerebbe di sì.  Un aumento di consenso che si traduce anche nella conquista di nuovi quartieri: il seggio dove i socialdemocratici prendono più voti percentuali è seggio numero 1125 a Schönefeld-Ost, dove raggiungono il 37,5 per cento (+11,4). Al secondo posto  c’è uno dei 7 seggi di Probstheida, dove l’aumento è del 12,1 per cento.

Ma l’elemento più importante per l’Spd è l’omogeneità dell’appoggio che ottengono: sono una presenza in ogni luogo della città e non diventano mai irrilevanti, non scendono mai sotto una certa soglia di approvazione. Se per tutti gli altri partiti sembra essere fisiologico un alternarsi di vittorie e insuccessi, i socialdemocratici navigano tranquilli sopra l’8 per cento delle preferenze, che è il loro zoccolo duro. Persino la Cdu scende fino al 2,3 per cento, i Verdi al 2,2, la Linke al 2,9. Loro no: il peggior risultato (nel seggio 2019 di Neustadt-Neuschönefeld) li vede all’8,2 per cento.

La Cdu non solo scende fino al 2,3 per cento, ma perde in totale a Lipsia (rispetto, come è ovvio, alle precedenti elezioni federali) l’8,7% nel voto di lista, il 7,6 nel voto diretto.

A chi sono andati i voti della Cdu? Non a destra, dove AfD si mantiene quasi stabile, dunque forse sono traghettati nello stesso Spd oppure, pià probabilmente, sono finiti ai Verdi. Però per lo stesso paradosso della Linke (altro partito in calo di consensi), la Cdu porta a casa l’altro dei due mandati diretti a disposizione della città.  Jens Lehmann, come visto, ce la fa per pochi voti, ma ce la fa, evitando una sconfitta più bruciante di questa.

Al termine dello scrutinio per il Bundestagswahl, Lipsia si conferma quindi una delle poche eccezioni nella Sassonia: è la sola città a scegliere come mandato diretto un deputato della Linke, ed è la sola ad avere, come primo partito in uno dei suoi collegi, i Verdi. Nel resto del Land spiccano pochi colori diversi dall’azzurro di Alternative für Deutschland: Chemnitz, dove  l’Spd  raggiunge  il  25  per  cento,  e Dresda,  divisa  tra Spd e Cdu.

Eppure il partito dell’estrema destra non può dichiararsi vincitore: se guadagna lo 0,3 per cento nelle Erststimmen, perde il 2,4 per cento nelle Zweitstimmen. Nelle altre due regioni in cui ha una forte presenza, Turingia e Sachsen Anhalt, la situazione è migliore: un aumento rispettivamente dell’1,2 per cento e del 3,2 per cento per il mandato diretto, un aumento dell’1,3 in Turingia per il secondo voto e una situazione stabile in Saschsen Anhalt.

A Lipsia, come in altre grandi città, perde consenso. Tuttavia sono quasi 70 seggi in cui Alternative für Deutschland supera nelle Erstestimmen il 25 per cento dei voti, contro i 58 seggi in cui l’impresa riesce all’Spd. Per quel che riguarda il voto di lista, in otto seggi prende più del 30 per cento (con il massimo del consenso, il 34,7%,  in un seggio di Liebertwolkwitz). A livello cittadino la media è del 13,3 per il secondo voto e 13,6 per il primo. Non sono numeri altissimi, considerato una calo del 5 per cento rispetto al 2017, ma sono comunque indicativi.

Ma se confrontati con altri risultati del partito di estrema destra in Sassonia, sembrano quasi irrisori. In alcuni collegi essere sopra il 40 per cento dei voti è la norma. A Dorfchemnitz AfD raggiunge quasi la maggioranza assoluta con il 47,9 per cento. Certo, il paese ha 818 votanti e questo relativizza la portata della notizia. Sono molti di più gli abitanti dell’intera Sassonia: un quarto di loro, il 26,4 per cento, ha scelto AfD. La Cdu, che pure governa il Land, è al minimo, persino dietro l’Spd. I Verdi a fatica raggiungono l’8 per cento, la Linke dimezza i consensi. Il voto per il rinnovo del governo del Land è tra tre anni. Troppi, o troppo pochi?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...