Tipp da top(o): il libro di Mazzariol letto da “Il Caffé Letterario”

Eccovi il resoconto dell’ultimo incontro del Caffè Letterario di Italiani a Lipsia, che questo mese ha letto per voi Mio fratello rincorre i dinosauri, romanzo d’esordio di Giacomo Mazzariol
di Davide Gottini

Il Caffè Letterario di Italiani a Lipsia prosegue con successo i suoi appuntamenti. Ad ogni incontro siamo di più, le chiacchierate si fanno sempre più ricche e aperte, pur senza pedanteria pseudo accademica, o boria. Eppure non è soltanto una casuale conversazione ‘da bar’ sull’ultimo libro che ci è capitato sul comodino. Senza darci una scaletta o prepararci gli interventi, diamo forma a un discorso che alla fine mostra sempre una sua logica.

Ieri sera, ad esempio, la nostra vittima sacrificale è stata “Mio fratello rincorre i dinosauri” di Giacomo Mazzariol, pubblicato nel 2016 da Einaudi.

E’ la storia vera di Giacomo e della sua famiglia, travolta dall’arrivo di Giovanni, il fratellino annunciato come un ‘supereroe’. Crescendo, Giacomo capisce che suo fratello di superpoteri non ne ha, ma è affetto dalla sindrome di Down. Comincia quindi la storia della loro relazione, costellata da esperienze uniche, episodi cinematografici, sentimenti a volte contraddittori, faticosi da capire e sopportare, come la vergogna quasi inconfessabile per un adolescente di avere un fratello disabile. Ma la straordinaria unità e reciproca comprensione che caratterizza questa famiglia fa sì che presto Giovanni non sia più “la  sua sindrome”, ma una persona a sé, un individuo come lo siamo tutti. Suona banale, ma leggendo il libro ci si accorge di quanto lavoro, di quante riflessioni, di quanto amore incondizionato sia necessario per realizzare ed accettare pienamente questa semplice verità.

La nostra chiacchierata è stata anche più variegata del solito. Siamo partiti dal testo. Abbiamo notato come lo sviluppo dei personaggi, la loro crescita, sia messa in evidenza dall’evoluzione dello stile, che parte diretto, lineare, per farsi con le pagine e la sopravvenuta adolescenza del narratore, più complesso e riflessivo. Il tema, di indubbia serietà, è trattato con leggerezza, preferendo al linguaggio sterile della medicina quello vivo della quotidianità.

Abbiamo riso dei molti episodi divertenti che accompagnano la lettura, identificando nell’ironia una chiave essenziale del libro. Una delle epifanie finali riguarda proprio la potenza emancipatrice dell’ironia, con cui il padre del protagonista si difende dai subdoli attacchi di un vecchio compagno di scuola. L’ironia diventa così il ‘superpotere’ con cui proteggere Giovanni dalle inevitabili resistenze e avversità che incontrerà nella vita, e di cui l’autore è perfettamente cosciente. Non vengono nascoste, infatti, le difficoltà che la sindrome di Down porta con sé. Coraggiosamente Giacomo ci parla degli anni in cui ha tentato di nascondere al mondo l’esistenza di Giovanni, per paura del giudizio degli altri, per la vergogna di avere un fratello disabile.

Un altro momento fondamentale, nella sua semplicità, è la scena in cui Giacomo riesce ad arrabbiarsi con suo fratello. In quel momento, offendendolo, è come se lo liberasse integralmente dalla sua disabilità, e lo rendesse una persona piena, autonoma, come mai prima era riuscito a fare.

La precoce età dell’autore non è un fattore che può passare inosservato. Il confronto tra l’età di Mazzariol (1997) e la maturità del suo romanzo d’esordio è sorprendente e ci siamo chiesti che impatto debba aver avuto su di lui e sulla sua famiglia un tale improvviso successo.

Una cosa è certa: questo libro non è stato un colpo di fortuna. ‘Mio fratello rincorre i dinosauri’ è diventato un film, diretto da Stefano Cipani, con Alessandro Gassmann, Isabella Ragonese e Rossy De Palma, e nel 2018 Mazzariol ha pubblicato il suo secondo libro, ‘Gli squali’ (Einaudi). Insieme al collettivo di sceneggiatori Grams, ha scritto la serie tv Baby, trasmessa da Netflix, che si ispira allo scandalo delle “baby squillo” dei Parioli.

Cos’è il Caffé letterario

Ogni sei settimane ci incontriamo e parliamo di un libro che abbiamo scelto di leggere. Nonostante il nostro apparato tecnologico sia avanguardistico (trasmettiamo in diretta internazionale!), l’idea alla base del Caffè Letterario è semplice: leggiamo, ci incontriamo, e ne parliamo. Potete unirvi a noi in qualsiasi momento. Non servono competenze, solo passione per la lettura.

PS: Mio fratello rincorre i dinosauri non fa ancora parte del catalogo della nostra Biblioteca. Ma se siete interessati a leggerlo potete rivolgervi a Francesca (biblioteca@italiani-a-lipsia.de), e sicuramente troveremo qualcuno disponibile a prestarvelo. In compenso, il film tratto dal libro è disponibile alla Stadtbibliothek (Wilhelm-Leuschner-Platz 10-11, 04107 Leipzig)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...