Con la neve arriva il nuovo decreto

I casi sono ancora alti, tanto che 7 distretti sassoni su 13 hanno un’incidenza sopra i 1.000. Fino al 12 dicembre nel Freistaat è in vigore una sorta di Lockdown leggero, che è stato in gran parte confermato e prolungato dal 13 dicembre fino al 9 gennaio 2022. Naturalmente con alcune ulteriori misure, come restrizioni ai contatti anche per i vaccinati, conferma del divieto federale di vendita e uso di pirotecnica o misure per la ristorazione.

di Mara Boifava

I casi di contagio sembrano essere leggermente diminuiti, ma aumentano i pazienti negli ospedali, il tasso di ospedalizzazione in 7 giorni è ormai quasi 18 (9 è un livello molto critico, vedete qui sotto). Pertanto la situazione in Sassonia rimane drammatica con almeno sette distretti Hotspot (incidenza sopra 1000) e altri 4 prossimi a tale valore, tanto che, in base agli accordi con il Cancelliere Olaf Scholz il Freistaat Sachsen (come altri Stati dell’Est della Germania) ha carta bianca nell’inasprire le misure federali comuni.

Per contenere la quarta ondata della pandemia di Corona sono state inasprite ulteriormente le misure, che includono regole 2G a tappeto nei negozi, chiusure di strutture e restrizioni alle uscite (Ausgangsbeschränkungen) negli Hotspot (sopra l’incidenza 1000) per i non vaccinati e per i non guariti. I servizi e le strutture per i bambini rimarranno deliberatamente aperti il più possibile. Il decreto chiarisce che i distretti amministrativi e le città senza distretto possono emanare ordinare più severe oltre al decreto sassone.

Già dal 5 novembre con il raggiungimento della soglia di preallarme è stato applicato solo il modello 2G (vaccinati e guariti) e l’organizzatore di eventi non aveva più la possibilità di scegliere il modello da applicare. Qui trovate l’articolo con le misure del livello di preallarme e la spiegazione dei criteri: Vorwangsstufe: allarme rosso in autunno.

A metà dello stesso mese è scattato il livello di sovraccarico, con il restringimento dei contatti o l’esclusione di non vaccinati o non guariti da eventi e servizi (tranne minori di 16 anni o eccezioni della STIKO). Qui trovate l’articolo relativo al livello d a cui dovrete aggiungere le misure sottostanti riguardanti il livello di sovraccarico: La Sassonia al limite: pandemia per tutti o solo per alcuni?

Come sempre dovranno essere ancora tenuti in considerazione l’incidenza 10 e 35, i due livelli di sovraccarico (massimo180 letti in terapia intensiva e 560 in reparti normali), l’incidenza di ospedalizzazione in 7 giorni e, da un paio di giorni, il tasso di ospedalizzazione (numero di pazienti di Corona ricoverati negli ospedali ogni 100.000 abitanti in sette giorni). I livelli di preallarme e di sovraccarico continueranno ad essere legati alla capacità dei letti e ai ricoveri di 7 giorni di incidenza, le restrizioni verranno ripristinate nel momento del raggiungimento delle rispettive soglie di occupazione dei letti nell’unità di terapia normale o intensiva. Inoltre, come da attuale decreto, la scadenza è più breve. Il “3+2“, sostituisce la precedente “regola del 5+2”. Ciò significa che i rispettivi valori di soglia devono essere superati o non raggiunti per tre giorni consecutivi prima che dal giorno successivo si applichi o non si applichino le regole della fase di preallarme o di sovraccarico.

Le soglie per il livello di preallarme rimangono 650 pazienti Covid 19 nei reparti normali e 180 pazienti Covid 19 nelle unità di terapia intensiva, per il livello di sovraccarico 1300 pazienti nei reparti normali e 420 pazienti di terapia intensiva.

Per approfondire i concetti di livello di preallarme e sovraccarico potete leggere il paragrafo “7-Tage Inzidenz Hospitalisierung come nuova soglia” in Sassonia: nuovo modello opzionale 2G e indice di ospedalizzazione.

Per quanto riguarda il concetto di tasso di ospedalizzazione, sono stati stabiliti in tutta la Germania tre livelli: 3, 6, 9. Se il valore di soglia 3 non verrà superato per cinque giorni di seguito i Länder potranno ritirare il regolamento 2G. I bambini e gli adolescenti sotto i 18 anni e le persone che non possono essere vaccinati sono esenti dalla regola delle 2G.

A partire da un tasso di ospedalizzazione di 3 verranno applicate le 2G- Regeln, ovvero solo le persone vaccinate o guarite avranno accesso a svaghi, eventi culturali e sportivi, ristorazione, hotel e servizi per il corpo come ad esempio parrucchieri, pedicure, estetisti ecc. Chiaramente saranno permesse le visite ai servizi per il corpo per motivi medici.

Se il tasso di ospedalizzazione sarà superiore a 6 verrà applicato il sistema 2G plus (2G + test negativo), ovvero anche le persone vaccinate e guarite dovranno presentare un test negativo. In caso di un’incidenza particolarmente alta dell’infezione con un onere particolarmente elevato per il sistema sanitario pubblico, al più tardi quando il tasso di ospedalizzazione supererà il valore di 9 i Länder prenderanno ulteriori misure e potranno quindi decidere anche delle restrizioni di contatto o Lockdown. Quest’ultimo è il caso della Sassonia.

Le misure igieniche di base, mascherine e distanza minima comprese, continueranno a valere (anche per i vaccinati).

Pressekonferenz- 10.12

Riassunto del decreto (punto ab dem 13. Dezember) + Bußgeld (multe, in Arbeit)

Comunicato sulle misure dal 13 dicembre

Verordnung zur Änderung der Sächsischen Corona-Notfall-Verordnung (cosa è cambiato?)

Decreto completo ( 16 pagine, in tedesco)

Conferma di Lipsia del decreto sassone

Ecco le incidenze in Sassonia e a Lipsia, la situazione dei letti e l’incidenza di ospedalizzazione. A causa di problemi tecnici il Freistaat non ha comunicato tutti i dati al RKI, pertanto i dati sono stati riportati per difetto.

Achtung: Aufgrund von technischen Problemen konnten am 11. Dezember 2021 nicht alle Meldedaten wie geplant dem Robert-Koch-Institut übermittelt werden. Das spiegelt sich aktuell in den vom Robert-Koch-Institut veröffentlichten Werten der 7-Tage-Inzidenz für den Freistaat Sachsen wider. Aufgrund der Meldewege können die in der Tabelle aufgeführten Fallzahlen von den durch die kreisfreien Städte bzw. Landkreise selbst veröffentlichten Fallzahlen abweichen.

Infektionsfälle in Sachsen– 10.11

In entrambi i poli ospedalieri di Dresda e Chemnitz il valore critico oltre il quale scatta l’emergenza è di 500 letti di ospedale occupati da pazienti Covid-19 nei reparti normali e 170 letti di terapia intensiva. A Lipsia la soglia è l’occupazione di trecento letti nei reparti normali e 80 letti nei reparti di terapia intensiva. In totale in Sassonia attualmente sono occupati da pazienti Covid 2.011 letti nei reparti normali e 589 in quelli di terapia intensiva. Qui trovate la situazione negli ospedali e la situazione degli ultimi 14 giorni: Aktuelle Bettenbelegung durch COVID19-Patienten in den sächsischen Krankenhäusern (Bettenindikator).

Il Freistaat informa che a causa dei ritardi dlle informazioni non è più possibile fornire dettagli sui ricoverati vaccinati o non vaccinati:

Angesichts der extremen Fallzahlen und daraus folgenden Meldeverzögerungen ist die Aktualität der Datenlage bezüglich des Impfstatus derzeit nicht mehr gegeben. Daher wird vorerst auf eine Veröffentlichung der Entwicklung der 7-Tage-Inzidenz der Geimpften und nicht (vollständig) Geimpften verzichtet.  (Stand: 20. November 2021)

Quali sono le nuove misure in dettaglio?

Qui metteremo solo le parti nuove in vigore da lunedì e quelle importanti da ricordare. Le misure di base rimarranno invariate. Nel caso mancasse il vostro settore non preoccupatevi, semplicemente non ci sono stati cambiamenti dal precedente decreto.

Le strutture ricreative e culturali, i club, le discoteche e i bar, le scuole per adulti rimarranno chiusi. I grandi eventi e le manifestazioni tipiche del paese restano vietati. Rimangono in vigore anche le restrizioni di uscita per le persone senza prova di vaccinazione o guarigione negli Hotspot, le restrizioni di orario ai ristoranti, così come l’obbligo della maschera FFP-2 sui mezzi pubblici, le regole 2G nei negozi e le misure federali sui mezzi e lavoro (3G).

Ovunque sia richiesta una prova di vaccinazione o di guarigione per l’ingresso si continua ad applicare un’eccezione per i bambini e gli adolescenti fino a 16 anni e per le persone che non possono essere vaccinate a causa di una mancanza di raccomandazione di vaccinazione da parte della STIKO.

Confermato- Regole AHA e mascherina

Rimangono obbligatorie le regole igieniche di base. Si raccomanda ancora fortemente di mantenere la distanza minima di 1,5 metri dalle altre persone. Da lunedì 8 novembre vigerà un obbligo di mascherina FFp2 (senza filtri) sui mezzi pubblici  e sui mezzi a lunga percorrenza (treni). Nei Discounter la mascherina costa circa 60 centesimi a pezzo. Gli alunni dai 6 ai 14 anni potranno utilizzare una mascherina chirurgica, mentre sotto i 6 anni i bambini sono esentati dall’obbligo. Nei supermercati si potrà continuare a scegliere tra mascherina chirurgica e FFp2, continuerà tuttavia a vigere l’obbligo. In genere dove si dovrà utilizzare la mascherina?

  • SEMPRE sui mezzi pubblici,ospedali/medici e nei servizi per il corpo (estetista, manicure, parrucchiere, pedicure…).
  • SE le persone si incontrano e non mantengono la distanza minima. Questo vale anche all’aperto e nei negozi e indipendentemente dall’incidenza 10.
  • con un’ INCIDENZA superiore a 10- anche nei negozi e supermercati (Lipsia ha un’incidenza più alta quindi vale l’obbligo di mascherina)

Non c’è l’obbligo di mascherina:

  • in genere all’aperto e nei negozi SOTTO l’incidenza 10, purché venga mantenuta la distanza minima.

IN parte Nuovo- Restrizioni di contatto anche per vaccinati


A differenza del precedente decreto la restrizione ai contatti riguarda non solo i non vaccinati, ma anche i vaccinati.

Gli incontri pubblici e privati tra non vaccinati o non guariti rimangono ristretti al proprio gruppo abitativo più una SOLA persona extra.

Gli incontri pubblici e privati tra vaccinati e/o guariti sono limitati a 20 persone. Tuttavia, si raccomanda vivamente che tutti i partecipanti facciano un test prima di un incontro.

I partecipanti ai servizi funebri o matrimoni devono (obbligo) presentare un test negativo (antigenico o molecolare),guarigione o vaccinazione.

Confermato- Validità della legge federale (3G Regeln sul lavoro e mezzi, Homeoffice, divieto di pirotecnica)

Alcuni dei regolamenti sono stati ora definitivamente regolati dalla legge federale sulla protezione dalle infezioni. Questo vale, tra l’altro, per l’obbligo di Home-Office, le regole 3G sul posto di lavoro e mezzi o il divieto di vendita e uso di fuochi d’artificio.

Qui potete trovare altre indicazioni sulla legge federale e il link al Bundesgesetzblatt: Allarme quarta ondata: (quasi) tote Hose in Sassonia

In base agli ultimi accordi tra Bund e Länder la legge federale verrà modificata dopo l’approvazione della proposta sull’obbligo di vaccino dal marzo 2022. I dettagli seguiranno separatamente, quando possibile.

NUOVO- Settore della ristorazione


La ristorazione rimarrà chiusa dal quarto giorno nei distretti e nelle città in cui l’incidenza di nuove infezioni su 7 giorni raggiungerà il valore di 1.500 per tre giorni consecutivi.
L’apertura sarà consentita di nuovo solo se la soglia di incidenza di 7 giorni di 1.500 non verrà raggiunta per tre giorni consecutivi.

NUOVO- Natale e San Silvestro: fuochi d’artificio e messe


A San Silvestro e il giorno di Capodanno sono vietate le celebrazioni sulle piazze, terreni o altri luoghi pubblici all’aperto. Inoltre, alle persone è vietato a portare o far esplodere fuochi d’artificio (di tutti i tipi, anche della comune categoria F2, piccoli fuochi o petardi) fuori dall’alloggio (Unterkunft). Con Unterkunft si intende il proprio alloggio, ma anche una stanza d’albergo in cui si soggiorna. Si ricorda, a tal proposito, che in Sassonia è vietato il soggiorno turistico negli hotel.

Nel periodo tra il 24 e il 26 dicembre 2021 e il 31 dicembre 2021 e il primo gennaio 2022 si applicano eccezioni per permettere le funzioni religiose anche in Hotspot, con restrizioni di coprifuoco.

Il nuovo decreto chiarisce che in caso di incontri privati durante il periodo di validità delle restrizioni alle uscite negli Hotspot i cittadini dovranno portare con sé il certificato di vaccinazione o di guarigione (2G) e mostrare i certificati in caso di controllo. per l’esame in caso di ispezione. Il test non viene considerato valido.

NUOVO- Scuola e asili: le operazioni scolastiche continuano con le precedenti misure

Le operazioni scolastiche e degli asili continueranno a svolgersi con le regole igieniche e di protezione conosciute e varà ancora il Regelbetrieb limitato negli Hotspot. Di conseguenza, le vacanze di Natale non saranno anticipate o prolungate.

Quali dati provengono dalle scuole?
Le cifre delle infezioni registrate dalle scuole sono attualmente in leggero calo. Per la settimana dal 22 al 28 novembre sono state riportate tra gli alunni e 591 tra gli insegnanti un totale di 7.761 infezioni Per la settimana precedente (dal 29 novembre al 5 dicembre), invece, erano state registrate 6.451 infezioni tra gli alunni e 439 tra gli insegnanti. Questo è un calo di circa il 17% tra gli scolari. Questo documento può essere visto su: Eltern Lehrkräfte Erzieher Schüler.

Attualmente, su un totale di 1.400 scuole pubbliche, 39 scuole sono temporaneamente completamente chiuse. Il 25 novembre circa 121 scuole avevano dovuto chiudere completamente o temporaneamente a causa dell’aumento dei livelli di infezione.
In 256 scuole singole classi sono state attualmente inviate all’apprendimento a domicilio, una cifra leggermente aumentata di 34 rispetto al 25 novembre.

Confermato- vaccini e test

A livello federale è stato istituito un nuovo team di crisi federale-statale nella Cancelleria federale, guidato dalla Bundeswehr e dal generale Carsten Breuer, che rafforzerà il coordinamento e la cooperazione nella gestione della campagna di vaccinazione, la fornitura e la distribuzione dei vaccini.

Riguardo a questo punto la Sassonia dalla fine di novembre ha già aumentato le offerte di vaccinazione statali: per ora vengono effettuate tra le 5.000 e le 6.000 vaccinazioni al giorno, dal primo dicembre si arriverà a 9.000 vaccinazioni giornaliere fino all’obiettivo di 20.000 vaccinazioni al giorno.

Le vaccinazioni verranno effettuate nei centri regolari, dai medici di base o aziendali, dai pediatri (per i bambini), negli uffici sanitari, cliniche e ospedali. La messa in funzione delle strutture allargate avverrà per gradi.

In particolare, sono previsti grandi centri di vaccinazione nelle tre città principali  – Lipsia, Dresda e Chemnitz – mentre in tutti i distretti verranno aumentate le capacità di vaccinazione nei centri di vaccinazione permanenti e, se necessario, saranno creati altri piccoli centri di vaccinazione o squadre mobili.

Dove è possibile vaccinarsi in Sassonia e a Lipsia?

Dai medici di base o azientali, nei centri mobili in giro per le città o distretti e ora anche in nuovi centri stabili per i vaccini. Tutti i centri vaccineranno con Biontech e Moderna. A Lipsia e nel Landkreis esistono centri mobili (senza appuntamento) e 5 centri stabili:

  • Arena, Stadtbüro a partire dai 18 anni su prenotazione dal 6.12 sul portale DRK
  • Markkleeberg e Wurzen nel Landkreis- su prenotazione
  • Dal 13.12 Lipsia aprirà un nuovo centro comunale all’Opera di Augustusplatz, che vaccinerà e consiglierà (Impfberatung) a partire dai 12 anni, dalle 8 alle 15 da lunedì a venerdì. Si potrà ricevere prime, seconde o terze vaccinazioni senza appuntamento. Questo centro rimarrà in servizio fino ad almeno fine gennaio.

Centri DRK in tutta la Sassonia

Sonderimpfaktionen in Sachsen (centri mobili)

Jetzt Impfen- Sachsen

Leipzig- Corona-Impfung in Leipzig: Infos und Impftermine vor Ort

Il vaccino per i bambini dai 5 agli 11 anni è stato approvato dall’EMA, tuttavia manca ancora la raccomandazione della STIKO (Ständiges Impfkommision), quindi per ora verranno vaccinati solo i bambini con malattie pregresse o a rischio.

Bundesministerium für die Gesundheit- Fragen und Antworten zur Kinderimpfung

Dove è possibile fare i test a Lipsia?

Anche i vaccinti dovrebbero effettuare un test di controllo prima di incontrare qualcuno. A Lipsia ci sono numerosi centri, medici, farmacie. Corona-Testzentren und Testmöglichkeiten in Leipzig

Potete scegliere la cartina o la lista dei centri dei test (Listenansicht). Si ricorda che ogni cittadino residente o domiciliato in Germania ha diritto a un test antigenico rapido gratuito alla settimana, chiamato Bürgertest. Gli altri test antigenici sono a pagamento, circa 13 Euro a Petersbogen o 30 in altri centri.

Inoltre i non vaccinati, secondo la legge federale, devono recarsi in un centro ogni giorno prima di andare al lavoro e dodopo il primo test gratuito gli altri saranno a carico del non vaccinato. I test fai da te non verranno considerati validi per l’ingresso in negozi o uffici.

Confermato-viaggi

Per quanto riguarda i viaggi, per l’Italia o per entrare in Germania dall’Italia è necessario un test antigenico (max 24 ore di validità) o un PCR (max. 48 ore di validità) oppure il vaccino o il certificato di guarigione. Per l’Italia serve inoltre compilare un modulo online.

In Sassonia rimangono vietati i viaggi turistici e commerciali o gewerblich (non Dienstreise) e soprattutto il pernottamento in hotel, che non potranno registrare turisti.

Qui con gewerblich sono intesi i viaggi promozionali, di formazione per il lavoro o di contatto con i clienti, ma non i viaggi di lavoro necessari (Dienstreise). Sono VIETATI anche i viaggi in in autobus e in treno a scopo turistico.

P.S. La parola usata in tedesco è untersagt, quindi non si tratta di una forte raccomandazione.

Attenzione (conferma da Corona- Hotline Sachsen) : I viaggi turistici (bus a lunga percorrenza, gite, turismo interno e verso Länder o Paesi vicini a alta incidenza, come Repubblica Ceca. Restrizioni anche verso Austria e Paesi Bassi) e quelli commerciali sono stati vietati, tuttavia le frontiere non sono state chiuse. A seconda dei casi verranno eseguiti controlli a campione o a tappeto.

Dall’Italia in Sassonia non si sono restrizioni alla visita di un parente. Sempre seguendo le regole igieniche e della Sassonia, naturalmente. L’entrata dall’estero in Sassonia (salvo alcuni casi) e in specifico dall’Italia è permessa ma non il pernottamento turistico presso hotel o altre strutture ricettive. Quindi, è possibile ospitare familiari/conoscenti dall’Italia presso la propria abitazione a Lipsia. Sulla pagina di “Einreise nach Sachsen” trovate le informazioni generali per i viaggi, Digitale Einreiseanmeldung e quarantena (non dall’Italia).

Staatsregierung beschließt Änderungen der Sächsischen Corona-Notfall-Verordnung

Allarme quarta ondata: (quasi) tote Hose in Sassonia

Schulbetrieb wird mit bisherigen Schutzmaßnahmen fortgeführt

Onda su Onda

Impfvergabe DRK

Leipzig- Erste Kommunale Impfstelle und Impfberatung öffnen am 13. Dezember 2021 in der Oper

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...